Vierchowod: “COn orgoglio e determinazione si può mettere in difficoltà la Juve”

Vierchowod: “COn orgoglio e determinazione si può mettere in difficoltà la Juve”

L’ex difensore ha parlato

di redazionejuvenews
Vierchowod

TORINO – L’ex difensore della Fiorentina Pietro Vierchowod ha parlato intervistato dai microfoni di Firenzeviola.it della partita contro la Juventus di sabato. 

“Se si analizzano le squadre poco da dire. Ma con orgoglio e determinazione si può mettere in difficoltà la Juve. Questa Fiorentina però per me prende troppi gol. Dovrebbe sistemare la fase difensiva: bello giocare bene ma esiste anche la fase di non possesso. Ad oggi pecca un po’ in questo. Fa la differenza anche non prendere i gol nel nostro campionato… Alla Juve non vanno dati 40 metri di spazio dietro la linea, hanno giocatori così forti e veloci che se gli lasci metri gli fai fare la partita che vogliono. Ma non serve neanche schiacciarsi troppo. La linea difensiva deve stare 10 metri fuori dall’area, la squadra compatta e pronta a ripartire in contropiede. Se vuoi dimostrare di giocare alla pari, sei morto. Se la Fiorentina è quella vista di recente, finisce male. Se invece gioca in modo intelligente, di rimessa, può fare un buon risultato. Se Montella gioca a viso aperto, ha già perso”.

Chiesa potrebbe recitare un ruolo importante…
“Per forza, anche la Juventus ci ha fatto un pensierino. Giocatore valido, che davanti sa fare la differenza. Non si può discutere, e se la Juve ci aveva messo sopra gli occhi, le qualità le ha”.

Sulla sua serenità possono aver inciso anche i tempi del mercato?
“A fine ritiro il mercato deve essere chiuso. Punto e basta. Non si può stare un mese a discutere sul futuro. Un tempo le cose erano più semplici. Un ragazzo giovane come Chiesa può anche rimanere frastornato. Quest’anno può consacrarsi in modo definitivo. La Juve se ti vuole non ti vuole per 6 mesi e basta. Ora porti la Fiorentina ad alti livelli e vedrà che non ci saranno problemi di sorta”.

Proprio su Ribery, che ne pensa del suo arrivo?
“È stato un grande giocatore, forse con l’età è meno importante. Anche se non segna molto, salta l’uomo e crea tantissimo”.

Chiusura sulla Juve. C’è speranza anche per le altre quest’anno oppure no?
“Dopo il 3-0 col Napoli la Juventus si è distratta. Quello che mi fa specie è vedere i bianconeri che prendono tre gol. Queste distrazioni possono anche permettere gli inserimenti di altre squadre per la lotta al titolo, penso soprattutto all’Inter

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy