Pelè: “Il mio soprannome? Se non fosse stato per un dispetto non sarei mai diventato Pelè”

Pelè: “Il mio soprannome? Se non fosse stato per un dispetto non sarei mai diventato Pelè”

L’ex giocatore ha parlato

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex giocatore brasiliano Pelè ha parlato intervistato dai microfoni della CNN brasiliana.

“La depressione? Non lo so, forse mi hanno frainteso. Negli ultimi due anni ho avuto problemi, è vero, soprattutto dopo l’operazione chirurgica all’anca e altre piccole cose. Le persone hanno iniziato a preoccuparsi per me, e lo apprezzo molto, tuttavia, ci sono state invenzioni sulla mia depressione. Quando in alcuni momenti mi ha fatto male, non ho rifiutato l’intervista e ho detto che ero preoccupato per la mia condizione. Ma in realtà non posso semplicemente andare in bicicletta. Dopo tutto quello che ho fatto nello sport, grazie a Dio, mi sto riprendendo”.

“Mio padre ha giocato per il Bauru Atlético e c’era un portiere di nome Bilé. Era il rivale di mio padre e i ragazzini, per farmi arrabbiare, mi hanno chiamato Bilé, che in seguito si è trasformato in Pelé. Quando non ti piace un soprannome, finisce per restarti. Se non fosse stato per quei bambini di Bauru, Edson non sarebbe mai stato Pelé”.

>>> LEGGI TUTTE LE ALTRE NOTIZIE SULLA JUVENTUS! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy