Gravina: “C’è esigenza di un recovery found per il calcio”

Il presidente ha parlato

di redazionejuvenews
Gravina

TORINO  – Il presidente della FIGC Gabriele Gravina ha parlato intervistato dai microfoni di Radio Rai.

“C’è un’esigenza generale del nostro Paese di tornare alla normalità e questo vuol dire riprendere anche la cadenza della nostra vita in tutti i suoi settori, senza perdere di vista le regole dettate dai nostri responsabili di governo. È giusto riprendere gradualmente le nostre passioni e riaprire per gradi anche gli stadi di Serie B e C. Lo stadio deve recuperare questa presenza che è l’anima del calcio, credo che sia stato superato anche lo scetticismo che c’era l’anno scorso sulla ripresa o meno del campionato, cerchiamo di superare tutti insieme questo scetticismo e di provare a tornare alla normalità.”

“Sappiamo tutti che far ripartire il calcio a giugno è stato molto impegnativo, ma la ripartenza della stagione 2020/21 ci preoccupa molto di più. Oggi il mondo del dilettantismo è sfiduciato, così come nel professionismo di base dove molti stanno pensando di abbandonare. Non ce lo possiamo permettere noi come mondo dello sport, dobbiamo tornare a coltivare quella componente relazionale dello sport. Anche il mondo professionista sta vivendo momenti drammatici, i costi sono aumentati per l’applicazione di alcuni protocolli e i ricavi sono in netto ribasso. C’è l’esigenza di un intervento esterno che noi auspichiamo in tempi rapidi per alleggerire queste criticità, una sorta di recovery fund per il calcio.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy