primo piano

Orrico su Conte: “Vuole giocatori di corsa, alla Juve sopportava a malapena Pirlo”

Antonio Conte

Le parole dell'ex allenatore dell'Inter a Sky Sport sull'attuale tecnico dei nerazzurri

redazionejuvenews

TORINO - Mancano solamente due giorni alla super sfida di San Siro, ma ormai siamo già in pieno clima da Derby d'ItaliaJuventusInter si affronteranno a Milano domenica sera, in uno scontro diretto fondamentale per il proseguimento del campionato delle due squadre. I due club, infatti, sono sulle tracce del Milan capolista e cercheranno di accorciare ancora di più le distanze dai rossoneri. In campo e in panchina, poi, ci saranno tanti ex di Juve e Inter: i più eccelsi, ovviamente, saranno i due allenatori, Antonio ConteAndrea Pirlo. Oggi, ai microfoni di Sky Sport, ha parlato di loro due un ex tecnico nerazzurro, ossia Corrado Orrico, che ha voluto dire la sua sulla sfida di domenica e sui due mister.

 

 Andrea Pirlo da giocatore della Juventus

 

Ecco, dunque, le parole di Corrado Orrico: "Domenica, secondo me, vedremo una gran bella partita, con moltissimi campioni in campo. Nicolò Barello è un calciatore che sa fare qualsiasi cosa, è completo: corre, ha dei buoni piedi, sa fare gol ed è molto grintoso, a volte troppo. L'allenatore, però, può frenarlo un po'. Per quanto riguarda Chiesa, invece, a me sembra come un figlio di papà, ma che ha molta personalità: in campo dà l'anima ogni volta, mentre fuori ha un atteggiamento distaccato, ma elegante. Da quando è alla Juve gli hanno insegnato che è più importante avere 20 metri in avanti che indietro. Per quanto riguarda Eriksen, invece, è palesemente un acquisto sbagliato per l'Inter, dato che Antonio Conte vuole giocatori di corsa, non gente che passeggia in campo. Alla Juve, infatti, sopportava a malapena Pirlo: lo avrebbe tolto volentieri perché voleva gente che corresse, ma non poteva rinunciare alla sua genialità". >>> E intanto, parlando di mercato, ci sono 11 nomi nei sogni di Pirlo per una formazione totalmente nuova, ecco come sarebbe! <<<

Potresti esserti perso