news

I tifosi bianconeri vogliono Pinsoglio all’Europeo

Carlo Pinsoglio

Il portiere bianconero come motivatore

redazionejuvenews

TORINO - La Juventus ha iniziato l'anno nel migliore dei modi, con la squadra di Andrea Pirlo che mercoledì ha conquistato il primo trofeo della stagione, battendo il Napoli nella finale di Supercoppa Italiana per 2-0. I bianconeri hanno vinto grazie alle reti di Cristiano Ronaldo e Alvaro Morata, risollevandosi dopo il clamoroso ko maturato a San Siro contro l'Inter. I bianconeri, al netto della sconfitta contro i nerazzurri, hanno vinto tutte le partite disputate fino a questo momento nel mese di gennaio, che li metterò di fronte al Bologna domenica, alla Spal per i quarti di Coppa Italia mercoledì, e contro la Sampdoria sabato prossimo.

Alla Juventus sembra quindi essere stato ritrovato il morale, con lo spogliatoio che è sembrato compatto e unito dopo le critiche ricevute a seguito la partita contro l'Inter. La risposta dei bianconeri è infatti arrivata sul campo, con la squadra di Andrea Pirlo che ha conquistato il primo trofeo del nuovo anno e della stagione, primo da allenatore per il tecnico bresciano, che ha poi esternato tutta la sua gioia attraverso i suoi canali social.

Uno dei segreti dello spogliatoio bianconero è sicuramente il terzo portiere Carlo Pinsoglio, diventato in poco tempo idolo dei tifosi bianconeri, soprattutto grazie ai suoi siparietti social e al suo tormentone "DaiUnPoEh". La bacheca del terzo portiere juventino, da quattro anni in bianconero, conta tre Scudetti, due Superocppa Italiana e una Coppa Italia, ma anche3 un grande rapporto con tutti i calciatori passati per Torino. Il portiere ha legato molto con Cristiano Ronaldo, con i due che hanno passato anche il Capodanno insieme ed hanno instaurato un rapporto anche al di fuori del campo. Proprio per la sua leggerezza, i tifosi bianconeri hanno invocato la sua convocazione all'Europeo e al Mondiale, con Pinsoglio che ha condiviso divertito la richiesta nelle sue Storie, alimentandone di successive.

Potresti esserti perso