Cerri: “Mi ispiro a Vlahovic, Yildiz e Huijsen dei predestinati”

Leonardo Cerri, calciatore della Juventus Next Gen, ha detto la sua sulla squadra bianconera, toccando diversi temi.

Leonardo Cerri, calciatore della Juventus Next Gen, ha detto la sua sul canale dei bianconeri su Twitch. Ecco le sue parole: “Questo cambio di girone improvviso è tosto, nel girone B ci sono grandi piazze con due squadre che vengono dalla B e vogliono risalire subito come Spal e Perugia. Ci sono squadre forti, attrezzate, è leggermente più difficile rispetto al girone B. Quanto si sentono gli stadi? Personalmente non influisce molto su di me, ma avere 5/10mila persone che ti urlano contro non è facile.

Abbiamo preso alcuni giocatori molto interessanti. Tre centrocampisti, uno già di categoria molto bravo, e altri due molto forti. Poi ci sono innesti dalla Primavera, molto forti, e poi Simone Guerra il nostro nuovo Over che, essendo attaccante anche lui, mi sta molto addosso per indirizzarmi sulla strada giusta.

Presente mi viene da dire Vlahovic: stesso ruolo, mancini entrambi, potrei anche dire Milik ma fisicamente dico Dusan. Passato direi, anche se è un paragone molto difficile da fare, dico Trezeguet. Era molto forte, magari riuscire a raggiungere il suo livello. Tra i più giovani dico Miretti, abbiamo giocato insieme da quando sono arrivato, e si vedeva già che era forte e preparato. Dico anche Fagioli. Più attuali potrei parlare di Yildiz e Huijsen, hanno due anni in meno di me ma sembra abbiano un’esperienza incredibile. Dean già l’anno scorso che era con noi ha fatto molti miglioramenti, ora ha iniziato a ragionare da grande. Con Kenan ho giocato relativamente poco, l’anno scorso era in Primavera, quest’anno abbiamo fatto 2 partite perché sale anche in prima squadra, ma con lui mi trovo bene”.