juve women

Bonansea: “Il Lione è stata la squadra più forte che abbiamo affrontato”

Bonansea

L’attaccante della Juve femminile ha parlato

redazionejuvenews

TORINO - Dopo la schiacciante vittoria contro l'Udinese per 4-1, in  casa Juve c'è aria di ottimismo in vista della super sfida di mercedi sera a San Siro contro il Milan. I bianconeri dal canto loro, saranno costretti a vincere se voglio recuperare terreno dai rossoneri, saldamente al comando della classifica con 9 punti di vantaggio sulla Vecchia Signora e 1 sui cugini dell'altra sponda di Milano, l'Inter. Il finale di stagione che si prospetta sarà forse uno dei piu entusiasmanti degli ultimi 10 anni, considerando la scioltezza con cui la Juve ha vinto i precedenti 9, eccezion fatta per quel testa a testa con il Napoli fino a due giornate dalla conclusione e rivinto nuovamente dal club piemontese. Intanto però, c'è grande tensione anche per quello che sarà un altro importante impegno della settimana e che, vedrà coinvolte la calciatrici bianconere. Il giorno dell'epifania infatti, si disputerà la semifinale della Supercoppa italiana tra la Juventus Women e la Roma femminile, con le ragazze allenate da Rita Guarino che sembrano essere molto cariche e determinate a raggiungere gli obiettivi prefissati a inizio anno.

Ad analizzare quella che sarà la delicata sfida contro i giallorossi, è stata l'attaccante della Juve Barbara Bonansea, la quale ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport: "Giocare queste partite in Champions League ti fa vedere a che punto sei arrivato e sfidare il Lione che, a mio avviso è la squadra piu forte che esiste, è motivo di grande orgoglio e soddisfazione. C’è molto rammarico per la partita d’andata, loro chiaramente sono quelle che devono vincere il titolo e partiranno indubbiamente favorite. Sicuramente è stata un’esperienza che ci ha fatto bene, ci ha dato modo di capire come gestire le partite. Secondo me abbiamo fatto dei passi in avanti importanti e ormai siamo preparate  per queste gare secche, siamo pronte”.

Potresti esserti perso