DA VINOVO – Allegri rattoppa, ma sorride: l’ennesima ‘nuova Juve’ pronta per l’Atalanta

DA VINOVO – Allegri rattoppa, ma sorride: l’ennesima ‘nuova Juve’ pronta per l’Atalanta

Un’analisi della conferenza stampa di Massimiliano Allegri, tra infortuni e sfida scudetto. Dal nostro inviato

di redazionejuvenews

Dal nostro inviato a Torino, Cristiano Corbo

TORINO. La storia di Bernardeschi è quella dell’eroe che sul più bello decide di prendersi una pausa. Forzata, chiaro. Imposta dal fato perché le grandi avventure hanno bisogno anch’esse di rifiatare momenti, di riassaporare le piccole gioie scontate. Solo che… solo che un po’ di preoccupazione resta, tutto qui: vuoi perché venti giorni son tanti, vuoi perché potrebbero non essere affatto venti.

Le domande, quindi, bussano insistenti: quando tornerà? E in che modo? Il sorriso non manca all’ex viola, e non manca neanche ad Allegri. Che in fondo si diverte a rattoppare tutti gli ultimi sprazzi di una Juve che, vada come vada, deve restare convincente e coerente con le sue idee. Tipo: Dybala “falso o vero nueve”, ci sta. Perché? Perché in questa partita hai bisogno del centravanti che faccia anche da regista: lo sa fare bene Higuain, ci riesce alla perfezione Paulo. E allora, tutto sistemato. Come Mandzukic e Douglas ai lati, imprescindibili in questo momento e in quelli che stanno per arrivare.

In mezzo, la domanda che un po’ fa traballare sedie e scrivania di Vinovo: ma Marchisio? Sangue freddo e decenni d’esperienza aiutano maledettamente: non c’è nessun caso con Claudio. Anzi: domani sarà probabilmente della partita. Più di Stuaro che di Bentancur, nonostante quest’ultimo sia pure squalificato per la Coppa Italia. A proposito: Higuain, come annunciato domani salta perché ha fatto solo lavoro differenziato; Howedes torna a disposizione con Mandzukic e Matuidi. Poi Barzagli sta bene, e Cuadrado ha ancora qualche chilometro da correre.

Torna Buffon. E lo fa in una partita in cui non ci saranno prigionieri, né parti di scudetto vendute a prezzo di saldo. Lo fa in una partita in cui gli avversari son stanchi, ma allo stesso tempo belli carichi. Allegri è democristianamente giusto: “Dispiace che siano usciti”. Dispiace un po’ più per il Napoli. Tant’è: in questo lungo attendere di emozioni, finalmente si gioca. Senza pensare a infortuni, pezze da mettere, storie da scrivere. Solo il campo. Meno male.

La probabile formazione:
4-3-3. Buffon, Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Alex Sandro; Matuidi, Pjanic, Marchisio; Douglas, Dybala, Mandzukic

DUELLO JUVE NAPOLI PER BARELLA

PRONTI 25 MILIONI PER CRISTANTE

SEGUICI SU: Facebook / Twitter / Instagram

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy