Chiellini: “Il rientro l’ho vissuto come un ragazzino all’esordio”

Le parole del capitano della Juventus ai microfoni di Rai Sport, dopo la vittoria negli ottavi di Coppa Italia contro il Genoa

di redazionejuvenews

TORINO – Anche Giorgio Chiellini, il capitano della Juventus, ha parlato ai microfoni di Rai Sport al termine della sfida contro il Genoa, vinta dai bianconeri per 3-2: il difensore rientrava dal lungo infortunio. La Vecchia Signora, dunque, supera gli ottavi di finale di Coppa Italia e accede ai quarti, dove affronterà la vincente tra Sassuolo Spal.

 

Rafia
Hazma Rafia esulta con i compagni dopo il del 3-2 contro il Genoa in Coppa Italia

 

Ecco le parole di Giorgio Chiellini: “Il rientro l’ho vissuto come un ragazzino all’esordio, anche se Dragusin potrebbe essere mio figlio. Ad ottobre avevo iniziato bene, poi però ci sono stati tutti questi problemi fisici. Sono contento di essere tornato e avevo bisogno di riprendere fiducia con il campo. Spero di essere di aiuto per la squadra nelle prossime settimane. Devo cercare di essere più sciolto, soprattutto per l’età, che ti fa sentire tutti i vecchi problemini. Il mio obiettivo è di allenarmi e di giocare con continuità, anche per arrivare a giugno e stare bene per la Nazionale. C’è il sogno Azzurro e la volontà di cercare di vivere insieme questo sogno, che ho iniziato due anni fa. Spero che anche noi vecchietti possiamo arrivare a giugno e vivere questo sogno. Oggi abbiamo iniziato benissimo e i primi 20 minuti abbiamo fatto due gol e ne potevamo fare altri. Appena ci siamo sentiti più sicuri abbiamo abbassato la guardia e questo ci ha penalizzato. Abbiamo perso troppi punti così quest’anno e dobbiamo lavorare per migliorare la concentrazione. Con l’Inter nessuno ci costringe a vincere: è una partita importante, ma non decisiva, perché manca un girone pieno. Penso che sia una partita importantissima contro una grande squadra, in cui può succedere di tutto. Si giocherà sugli episodi, come contro il Milan. Questo è un campionato molto equilibrato e gli scontri diretti sono sempre aperti. Il duello con Lukaku sarà bello: nell’1 contro 1 è marcabile da pochissime persone e con Lautaro sono una coppia d’attacco fenomenale”. >>> E intanto, parlando di mercato, ci sono 11 nomi nei sogni di Pirlo per una formazione totalmente nuova, ecco come sarebbe! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy