Porto-Juve, Marotta: “Bonucci? Si deve adeguare a certe regole. Da stasera è caso chiuso”

Porto-Juve, Marotta: “Bonucci? Si deve adeguare a certe regole. Da stasera è caso chiuso”

Le parole dell’amministratore delegato dei bianconeri prima dell’andata degli ottavi di Champions

di redazionejuvenews

TORINO – Dallo Stadio Do Dragao ha parlato ai microfoni di Premium Sport l’amministratore delegato della Juventus Beppe Marotta prima della sfida contro il Porto: “Stasera non è solo un esame, ma anche una partita molto difficile contro una squadra che sa far valere il fattore campo, servirà una super Juventus, ma le premesse ci sono tutte. La questione Bonucci è molto semplice, non è obbligatorio fare comunicati stampa per condividere le nostre scelte, abbiamo fatto reprimenda ad entrambi poi l’allenatore ha proposto questa decisione e noi l’abbiamo fatta. Davanti a questo episodio era giusto puntualizzare alcune cose, ma ora si tratta di un caso chiuso, Bonucci rimane un campione molto importante per noi. Non voglio pesare i reati commessi da Dybala, Lichtsteiner e Bonucci, abbiamo valutato la decisione da prendere e per noi questo provvedimento era il più corretto, nel rispetto di tutto, dal gruppo ai tifosi. Non è questione di scuse o mancate scuse, abbiamo agito tempestivamente sabato o domenica, qualcuno si aspettava un comunicato ma non era obbligatorio. Abbiamo deciso di intervenire sul giocatore e sull’allenatore, è meglio tenere certe cose in famiglia. Credo che da quando esiste il calcio queste dinamiche sono sempre successe, ormai ciò che succede in campo o in allenamento viene vivisezionato dalle telecamere, ma fa parte del gioco. Nel calcio prevale il senso del noi e non dell’io, ci dispiace per Bonucci ma scenderanno undici giocatori degni di questa maglia e pronti per una grande prestazione. Questo è un appuntamento importantissimo che vogliamo onorare nel migliore dei modi, questo modulo ha dato dei risultati soddisfacenti sia come gioco che come punteggio, ma non va legato un modulo agli obiettivi. Bonucci è un professionista, ci si deve adeguare a certe regole. Non è un provvedimento disciplinare e non ridimensiona le sue capacità, è una scelta presa nel bene di tutti, ma da stasera il caso è chiuso.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy