Vieri: “Vorrei vedere la Juve giocare meglio”

L’ex giocatore ha parlato

di redazionejuvenews
Vieri

TORINO – L’ex giocatore Bobo Vieri ha parlato intervistato dai microfoni de La Gazzetta dello Sport. 

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

“Guidare la Juve non è semplice, c’è grande pressione, da quelle parti conta solo la vittoria. Serve allora tanta esperienza. Comunque vorrei vedere la Juve giocare molto meglio. E non mi interessano sistemi o tattiche varie, da tifoso del calcio italiano vorrei qualcosa in più, perché quest’anno non mi sono divertito a veder giocare i bianconeri. Juve, Milan e Inter hanno il dovere di essere anche belle, lo impone la loro storia”.

RONALDO – “Un voto? E io dovrei dare il voto a uno che in carriera ha segnato più di 600 reti, vincendo cinque Champions? Se lo facessi dovrei assegnare a me stesso “zero” in pagella. Cristiano va ringraziato per avere scelto la Serie A. Tutto il mondo oggi ci guarda soprattutto per Ronaldo. Ci sta dando una grande mano a risalire a livello di immagine. Anzi, vi dico una cosa: quando smetteranno di giocare Ronaldo e Messi, prenderò la tv, la butterò dalla finestra e me ne andrò al cinema per divertirmi”.

FINALI INGLESI – “Il calcio inglese è oggi il massimo, anche e soprattutto grazie all’apporto dei tecnici stranieri che hanno migliorato a livello tattico e gestionale un calcio che fisicamente era già devastante. Senza contare l’importanza che ha avuto Guardiola per la crescita del movimento inglese. Pep è un fenomeno, il più grande oggi con Klopp”.

SARRI – “Lui e Conte predicano un calcio moderno, adatto a competere ai massimi livelli. È ciò che serve al nostro movimento per recuperare terreno. Non ci mancano i tecnici, serve però un salto di qualità mentale generale. E sarebbe bello rivedere in Italia proprio Sarri”.

KLOPP COME LIPPI – “Calma, Klopp deve farne ancora di strada per arrivare a Lippi. Ma è vero che Lippi praticava un calcio “sconosciuto” avendo messo a punto una corazzata terrificante anche a livello fisico. Eravamo cortissimi e pressavamo al limite dell’area avversaria. Mangiavamo erba e avversari”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy