Spalletti: “Si vince e si perde in tanti modi ma serve un percorso”

Spalletti: “Si vince e si perde in tanti modi ma serve un percorso”

Il tecnico dell’Inter ha parlato

di redazionejuvenews
Spalletti

TORINO – Il tecnico dell’Inter Luciano Spalletti ha parlato dopo il pareggio ottenuto contro la Roma ieri sera. 

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

”Risultato giusto, perché ci sono state occasioni per noi ma non siamo stati così bravi a rimanere in ordine dietro attaccando, che è il nostro tallone d’Achille. Rimaniamo aperti con i terzini e quando si va a far la fase difensiva diventa un problema. Dopo lo svantaggio la Roma si è abbassata molto, ha messo i piedi in area con la linea difensiva. Stavano a dieci metri dall’area, perciò di spazi non ce ne sono. Quando riconquistano palla ti vengono su veloci, perché Dzeko trova il vuoto quando tiene su il pallone. Bravo anche El Shaarawy. Nel secondo tempo siamo stati più ordinati, con maggiore pazienza. Il rischio è di andare a fare più confusione per volerla pareggiare, rendendo così loro la vita facile. Perisic a noi fa comodo, fa i rientri e alza il livello di squadra. A volte torna troppo indietro… Però pulisce anche tanti palloni sul primo palo, con squadre come la Roma ci serviva anche l’altezza. Secondo me con un po’ più di precisione potevamo fare di più, sono stati sbagliati non da livello Inter. Però è un risultato che ci sta e, per come si era messa, anche prezioso. Volevamo fare un giro palla coinvolgendo tutte le catene laterali e costringerli a scappar fuori così da trovare quei cinque metri da attaccare. Ci serviva più precisione e velocità nel possesso. Ma la Roma ha qualità davanti, per cui va bene così. D’Ambrosio doveva fare più il “guardiano” dietro Politano, invece l’ha costretto ad accentrarsi di più andando in bocca ai difensori perciò era più difficile arrivare sull’uno-contro-uno con Kolarov. Nel secondo faceva quasi da terzo centrale, da mediano destro, così che Kolarov andava su Politano. Nel primo tempo abbiamo fatto l’inverso. Con i calciatori bisogna essere persuasivi sul che calcio si vuol fare. Oggi per esempio i portieri senza i piedi buoni non possono andare a giocare nelle grandi squadre, invece sento che non contano. Il nostro calcio secondo me sta abbastanza bene, durante una stagione però si passano più situazioni. Quando abbiamo incontrato l’Eintracht potevamo fare poco di diverso, il vero dolore che ci portiamo dentro è per quella con il PSV. In Champions tra l’altro avevamo la limitazione… Con infortuni e squalifiche ne rimangono pochi e a volte vengono condizionate anche le successive partite di campionato. Si può vincere e perdere in tanti modi ma serve un percorso da seguire ed essere convincente, così che venga riconosciuto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy