Pirlo: “La Juve resta la squadra da battere”

Il centrocampista ha parlato a La Repubblica

di redazionejuvenews
Andrea-Pirlo

TORINO – Andrea Pirlo, ex centrocampista di Juventus e Milan, ha parlato a La Repubblica: “La Juve senza Bonucci? Rimane la squadra da battere. Si è rinforzata con Douglas Costa, Bernardeschi e Szczesny. Magari adesso comprerà qualcun altro. Chiellini ha detto che la partenza di Bonucci non sposta valori tecnici ma umani? Bonucci al Milan darà grande carisma, personalità ed esperienza internazionale. Alla Juve mancheranno la sua tecnica, la sua abilità nel giocar la palla. Bonucci che lascia Torino “per colpa di Allegri” è il sequel di Pirlo che abbandona il Milan per la Juve? No. Non so cosa sia successo tra loro, io me ne sono andato dal Milan perché ero a fine contratto e volevo un’avventura nuova. Allegri non c’entrava niente, non ho cambiato per colpa sua. Sarei potuto rimanere anche al Milan. Ma sentivo di aver finito un ciclo. ll Milan lotterà per lo scudetto? Non credo. Quando parti da zero e prendi dieci giocatori nuovi, bravi quanto vuoi, è dura vincere subito. Devi farli giocare insieme, metterli bene in campo. Montella avrà un lavoro stimolante, ma difficile. L’obiettivo sarà arrivare in Champions. Può essere l’anno del Napoli? Tutti gli anni si dice che sarà la volta buona di Roma, Napoli e altre. Poi sappiamo come va a finire…. Cosa manca alla Juve per vincere la Champions? Non credo manchi qualcosa in particolare, in finale può capitare di tutto. Per quella di Berlino mi spiace ancora oggi, non per me ma per la squadra. A Cardiff invece la Juve è calata nel secondo tempo, può capitare. Io ne ho persa una con il Liverpool, dopo che eravamo 3-0 all’intervallo… e che Milan era quello”.

 Juvenews.eu
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy