Osvaldo: “La mia Juve non poteva mai perdere, Conte ha sempre ragione”

Osvaldo: “La mia Juve non poteva mai perdere, Conte ha sempre ragione”

L’ex calciatore ha parlato

di redazionejuvenews
Osvaldo

TORINO – L’ex calciatore Pablo Daniel Osvaldo ha parlato ai canali della Serie A.

MUSICA – “La musica oggi è la mia vita, ma un po’ lo è sempre stata. Ho sempre detto che, dopo essermi ritirato, avrei voluto formare una band. La vita senza musica è un errore”.

MIHAJLOVIC – “A Bologna avevo come allenatore Mihajlovic, uno che riesce sempre a tirare fuori il meglio di te. Con lui si lavorava tantissimo e bene”.

PALACIO – “Ho avuto la fortuna di giocare con Palacio all’Inter, è un campione che ha giocato una finale Mondiale e un ragazzo d’oro”.

LA JUVE DEI 102 PUNTI – “Ero nella Juve di Tevez, di Llorente, di Pogba, di Pirlo. Non potevamo mai perdere”.

CONTE – “Non ho mai visto uno così bravo. Mi ricordo la mia prima partita alla Juve, contro l’Hellas Verona. Alla fine del primo tempo vincevamo due a zero. Nello spogliatoio Conte ha ribaltato il tavolo, ha insultato tutti quanti dicendo ‘Ve lo dico io come finisce questa partita, la pareggiano e forse la vincono pure, perché voi fate i fenomeni!’. Io mi guardavo intorno e pensavo che fosse matto. Com’è finita la partita? 2-2. Alla fine ha sempre ragione”.

GOL ALLA ROMA – “Ero molto teso, mi sono alzato per fare il riscaldamento e tutto lo stadio Olimpico si è messo a fischiare. La prima palla che ho toccato è stato un appoggio sbagliato, la Roma è ripartita e quasi segna con Nainggolan. Poi, al 94’, ho fatto quel gol e c’è stato il silenzio assoluto dello stadio. Non era così facile segnare, ma ero tranquillo. E dopo mi sono sfogato!”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy