Inzaghi: “Dispiace aver perso, la panchina fa la differenza”

Inzaghi: “Dispiace aver perso, la panchina fa la differenza”

L’allenatore ha parlato

di redazionejuvenews
Inzaghi

TORINO – L’allenatore della Lazio Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa. 

Cosa ti dispiace di più stasera a parte il risultato? Avreste meritato almeno un pareggio?
“Avremmo meritato più del pareggio, avremmo meritato sicuramente la vittoria, ma il calcio è questo. L’unica pecca grave è quella di non aver fatto il 2-0- Il calcio a volte è crudele, stasera lo è stato con noi, ma giocando così, con questo spirito, torneremo presto a vincere”.

Cosa ha pensato quando Immobile ha sbagliato il secondo gol?
“Ero dispiaciuto, ma non avevamo sofferto nulla. I numeri erano schiaccianti, 8 calci d’angolo a zero contro la Juve, 9 tiri a 2. Grande merito per aver fatto soffrire una tra le tre migliori squadre d’Europa. L’unica grande pecca è quella di non aver vinto la partita. Mi sarebbe piaciuto per i nostri splendidi tifosi che ci hanno sostenuto e incitato per 95 minuti spingendoci. La grande pecca è di non aver fatto il gol del 2-0 che avrebbe chiuso la partita”.

Questa spensieratezza potrebbe essere riproposta da qui alla fine? Siete vicini al 4° posto…
“o penso che ci siano ancora 17 partite, c’è tempo e margine per la classifica. Queste due sconfitte ci hanno rallentato, ma mi tengo la prestazione. Ho fatto i complimenti ai ragazzi. Andiamo a casa con un grandissimo amaro in bocca. Il calcio è spietato se non sai chiudere le partite. Le altre due volte che abbiamo battuto la Juventus non avevamo giocato così bene”.

La differenza tra Juve e Lazio?
La panchina della Juventus è di assoluto livello, ma anche i miei calciatori che subentrati hanno dato un impatto positivo sul match. Raccontare una partita giocata in questa maniera e persa per 2-1 lascia tanto rammarico. Oggi abbiamo sopperito alle diverse mancanze grazie alla generosità di Marco Parolo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy