Esclusiva JN/ Causio: “Bonucci in tribuna? I calciatori, gli allenatori e dirigenti passano, la Juventus resta”

Esclusiva JN/ Causio: “Bonucci in tribuna? I calciatori, gli allenatori e dirigenti passano, la Juventus resta”

Ecco le parole dell’ex calciatore bianconero in esclusiva per Juvenews.eu.

di redazionejuvenews

Di Marco Gentile

TORINO- Mancano meno di 7 ore all’atteso match di Champions League tra il Porto e la Juventus di Allegri. I bianconeri sono pronti alla battaglia e sperano di uscire con un risultato positivo dallo Stadio Do Dragao.

Franco Causio ha vestito la maglia della Juventus per ben 13 anni, dal 1966 al 1968 e dal 1970 al 1981. Con i bianconeri, il Barone ha vinto 6 Scudetti, una Coppa Italia e una Coppa Uefa. L’ex campione del mondo nel 1982, in esclusiva per i microfoni di Juvenews.eu, ha parlato della sfida di questa sera contro il Porto, del futuro di Allegri e della lite tra il tecnico e Leonardo Bonucci che costerà la tribuna al difensore.

Causio, che partita deve attendersi la Juventus? “La cosa bella è che la partita durerà 180 minuti e non 90, questo è il primo punto importante. La cosa fondamentale è fare almeno un gol e poi giocarsela allo Stadium davanti ai propri tifosi. La squadra ha trovato l’equilibrio giusto con le cinque stelle lì davanti e oltre a segnare sarà anche importante non esporsi al contropiede perché il Porto ha giocatori veloci lì davanti che possono far male in ogni momento”.

La Juventus può vincere la Champions League? “Io credo che il calcio non sia più scontato, la Juventus ha tutto per poter arrivare in finale e vincere la Champions. Ma anche l’anno scorso sembrava fatta con il Bayern e poi c’è stato il ribaltone, ripeto che niente è scontato nel calcio”.

Cosa ne pensa della decisione di Allegri di mandare in tribuna Bonucci dopo la lite sul finale di Juventus-Palermo? “Risponderò così, come mi hanno insegnato l’Avvocato Agnelli e Boniperti quando vestivo la maglia bianconera: Alla Juventus passano i dirigenti, i giocatori, gli allenatori, ma la società rimane. Non aggiungo altro”.

La trova più una scelta coraggiosa o giusta? “Credo sia giusta, ripeto a Torino è così, la società è forte e non guarda in faccia nessuno. Poi non voglio entrare nel merito su chi ha ragione e chi torto”.

Secondo lei Allegri lascerà la Juventus? “Sono problemi suoi, non miei. Sicuramente non morirà di fame ovunque andrà (sorride; ndr)”.

Pensa che sia la scelta giusta, nel caso, lasciare un club vincente come la Juventus? “Bisogna vedere se la società vuole riconfermarlo, se lui vuole rimanere. Ci sono tante cose da dover verificare ma non credo sia il pensiero primario al momento”.

Per lo Scudetto è fatta, o Roma e Napoli possono ancora dare fastidio alla Juventus? “Io mi auguro che la lotta Scudetto rimanga aperta il più possibile se no ce ne andiamo tutti a casa. Spero rimanga l’equilibrio fino alla fine per la bellezza del campionato”.

L’ex Procuratore Federale Porceddu ha dichiarato che fu un grave errore assegnare lo Scudetto all’Inter nel 2006, lei cosa ne pensa? “Non mi va di entrare nel merito perché non mi interessa. Mi limiterò a dire che i calciatori della Juventus che sono scesi in campo l’hanno vinto in maniera meritata”.

 

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. max33_349 - 3 anni fa

    Gente come Causio oggi é merce rara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. giansa_662 - 3 anni fa

    Grande

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. giansa_662 - 3 anni fa

    Sempre grande Franco! Risposte da atleta e persona seria, come poche esistono oggi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy