ESCLUSIVA JN, Marocchino: “Juve, per la Champions occhio, temo infortuni e cali di forma…”

ESCLUSIVA JN, Marocchino: “Juve, per la Champions occhio, temo infortuni e cali di forma…”

L’ex giocatore della Juventus ha parlato ai nostri microfoni della situazione in casa Juve.

di redazionejuvenews

TORINO – Ecco la nostra esclusiva a Marocchino:

Sig. Marocchino, che partita sarà quella con l’Ajax? I quarti di finale sono sempre complicati in Champions League. A questi livelli non devi sottovalutare nessuno. Devi temere tutti. Ovvio che Manchester City e Barcellona sono sulla carta superiori e quindi alla Juve è capitato un sorteggio molto positivo. Bisogna comunque prendere con le molle tutte le squadra che capitano. Giocare fuori casa la prima è un vantaggio, ma come abbiamo visto ciò non sempre è un fattore determinante. Il Real Madrid, pur essendo senza Sergio Ramos, ha comunque preso 4 gol in casa dall’Ajax.

Chi è la vera avversaria della Juventus in UCL? Le squadre forti sono tante. Temo di più infortuni e cali di forma che possono capitare in qualsiasi momento. Il Barcellona è sicuramente stimolante e conviene affrontarlo, a mio parere, in due partite. Il City invece, sarebbe preferibile affrontarlo in una sfida secca. Queste due squadre sono sicuramente le due più forti, almeno sulla carta. Poi però, è difficile da dire… Nel calcio, sul campo, può succedere di tutto.

Chi può essere l’uomo in più della Juve in questo finale di stagione. Io penso, fatta eccezione per Ronaldo, l’uomo decisivo possa essere Pjanic che è la punta del compasso dell’intera squadra. Poi, ovviamente è la squadra che deve funzionare. C’è anche Bernardeschi che ultimamente è in grande forma, ed è uno dei pochi che sa giocare fra le due linee. Da molta gamba, sia in avanti che in fase di contenimento. Chiaro che poi, a prescindere da chi sarà determinante, non bisognerà commettere errori.

Il campionato sembra chiuso. Lo è? 15 punti a 10 partite dalla fine sono la metà, quindi deve cercare di vincerne 5. Penso che le prossime 2 in casa saranno decisive per confermare uno scudetto che al 90% sarà ancora una volta bianconero. Il calcio poi è matematico, bisogna aspettare per dire: “Sì, è finita”. E’ importante rimanere concentrati anche per le partite di coppa. Non si può perdere in campionato ed arrivare in situazioni non ottimali. Poi i numeri al momento giocano a favore della squadra di Allegri, anche perchè il Napoli dovrebbe vincerle tutte per pensare di impensierire la Juve. Sarei felicissimo poi, se la squadra di Ancelotti vincesse l’Europa League. Sarebbe il giusto premio per quello che ha fatto in questi anni.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy