ESCLUSIVA JEAN KEAN: “La madre di Moise e Raiola mi hanno tagliato fuori, decidono tutto loro” Poi lancia un appello alla ex moglie…

ESCLUSIVA JEAN KEAN: “La madre di Moise e Raiola mi hanno tagliato fuori, decidono tutto loro” Poi lancia un appello alla ex moglie…

Il padre dell’attaccante bianconero ha cortesemente rilasciato delle dichiarazioni in esclusiva alla nostra redazione

di redazionejuvenews
Jean Kean

di Fabio Marzano

TORINO – Nella giornata di sabato la Juventus ha conquistato il suo ottavo Scudetto consecutivo, al termine di una cavalcata trionfale che non ha mai visto vere e proprie rivali nella lotta al titolo. Il contributo di questa annata fantastica è ovviamente dell’intera squadra, trascinata da un Cristiano Ronaldo sempre in forma smagliante. Ma è stato anche l’anno della consacrazione di Moise Kean, attaccante dal talento cristallino che sta incantando l’intero panorama calcistico internazionale. A parlare di lui è stato il padre Jean Kean, che ha rilasciato cortesemente delle dichiarazioni in esclusiva alla nostra redazione.

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.

Quando si è separato dalla sua famiglia e dalla sua ex moglie?

“Io ho letto alcune cose sul mio conto che non sono vere. Io non ho divorziato da mia moglie nel 2004 ma nel 2008. Se fosse stato nel 2004 vorrebbe dire che Moise aveva 4 anni e questo è assolutamente impossibile. Noi ci siamo separati nel 2008 e ho lasciato la famiglia nel 2010, ma ci sentiamo e ci vediamo tutt’ora.  L’ho sempre accompagnato io agli allenamenti sin da quando era piccolo, dall’Asti Calcio a Torino per due anni ininterrotti. Quando ha fatto 10 anni l’ho portato alla Juve e quando era li andavo a trovarlo sempre. Non ero più a casa mia, quindi il divorzio è stato fatto quando aveva 8-9 anni non a 4″. 

Moise continua a vederlo tutt’ora?

Non riesco ancora a vederlo. Ma il rapporto va bene, ci sentiamo sempre anche se gli impegni sono tanti. Io viaggio spesso tra Torino e l’Africa, lui gioca sempre quindi è difficile”. 

A cosa sono dovuti questi frequenti viaggi in Africa?

“Io sono un agronomo, e quando chiesi i trattori alla società era per andare giù al mio paese. Il mio obiettivo è quello di fermare l’immigrazione li e risolvere il problema sul posto, è questo il mio sogno ora. Io sono pro Salvini, tutto quello che dice è giusto, ho rilasciato anche delle dichiarazioni dove ho detto che secondo me Salvini è un angelo. Non faccio politica ma mi sento obbligato a parlare di queste cose. Migliaia di persone muoiono ogni giorno nel Mediterraneo e chi augura questo è razzista”. 

Hai parlato con Raiola del futuro di Moise?

“Io Raiola non l’ho mai visto. Lui fa le cose con la mamma di Moise, mi hanno bruciato tutto quanto. A lui non l’ho mai visto, collabora con la mamma. Da quando ha compiuto 18 anni decidono tutto loro, ma non importa, l’unica cosa che voglio è che mio figlio mi porti a casa il Pallone d’Oro”. 

Che rapporti ci sono con la sua ex moglie?

Io vorrei fare un appello alla madre di Moise: “Invece di fare la guerra alle spalle di questo ragazzo, diamo tutti e due la benedizione e la pace, solamente per il suo bene. Il ragazzo ha bisogno anche della mia benedizione come papà. Non litighiamo, vogliamo tutti il suo bene, ha bisogno di crescere perchè è all’inizio della sua carriera e ha bisogno ancora del sostegno di papà e di mamma”. 

Ringraziamo gentilmente Jean Kean per la sua disponibilità. Intanto in casa Juve è pronto il nuovo colpo di mercato.>>> CONTINUA A LEGGERE 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy