Buffon: ” Se Areola vuole io resterei qui un’altra stagione”

Buffon: ” Se Areola vuole io resterei qui un’altra stagione”

L’estremo difensore del pSG ha rilasciato delle dichiarazioni

di redazionejuvenews

TORINO – L’estremo difensore del PSG, Gigi Buffon, ha rilasciato delle dichiarazioni durante la conferenza stampa, dove ha parlato del suo imminente futuro, scherzando sul suo compagno di reparto Areola.

SUL SUO FUTURO – ” Per ora è importante rimanere concentrati sugli impegni che stanno arrivando: Lione, Bordeaux e Manchester. Per quanto riguarda il mio contratto e la prossima stagione, abbiamo tutto il tempo per pensarci. Se Alphonse (Areola, ndr) e il club lo vogliono, io resterei qui volentieri un’altra stagione”.

SUL TRASFERIMENTO AL PSG – ” È stata una sorpresa di inizio maggio ed è stata una sorpresa molto gradita per me, perché probabilmente stavo già programmando un altro tipo di futuro. Ma dentro di me ho sempre avuto l’ambizione e la speranza che accadesse qualcosa, perché sentivo di avere qualcosa di importante dare. La vita è imprevedibile davvero”.

SULLA CHAMPIONS – ” Io ho iniziato a provarci prima del Psg, non credo che sia un’ossessione mia o del club. Si è creata questa situazione e io ho accettato perché ci sono le condizioni per potermi migliorare sia come calciatore che come persona. Penso che io possa contribuire affinché il PSG possa migliorare un po’ di più e ambire così a traguardi più importanti. Ma quando si inizia una stagione non si può racchiudere tutto a un obiettivo come quello della Champions, saremmo pazzi e qui non siamo pazzi”.

SUL SUO PASSATO – ” Sono sempre stato titolare a Parma, nella Juve e in Nazionale. Mai nessuno mi ha detto aprioristicamente che lo sarei stato. Me la sono conquistato. Credo che lo sport e la competizione siano questo. Chiaro che ho 40 anni, ma godo di un ottimo stato di salute fisico e mentale. So che per raggiungere determinati risultati c’è bisogno di tutti. Credo che tutti trovino sempre il modo durante la stagione per ritagliarsi uno spazio importante e da protagonisti. Io farò di tutto per mettere in condizione i miei compagni, gli altri portieri, di rendere al massimo. Chiaramente voglio dimostrare di essere ancora un grande portiere e sono sicuro che lo farò”.

SULLA CARRIERA – ” Quando avevo 30 anni pensavo di avere ancora 2-3 anni davanti, la stessa cosa a 34, a 36, a 38 e così via fino ai 40. Fino a quest’anno ho giocato anche in Nazionale e secondo me vuol dire essere competitivi ad alti livelli. Non mi voglio più porre questa domanda, perché crea una condizione di negatività che non fa bene. Quando non starò bene sarò il primo ad accorgermene e smetterò”.

SU MATUIDI – ” Pur avendo giocato con lui un solo anno, è una persona veramente speciale, l’affetto reciproco è molto forte. Quando ha saputo di questa possibilità mi ha incitato a venire: “Gigi secondo me a Parigi c’è bisogno di una persona come te e ti troverai benissimo”. Sapendo quanto lui mi voglia bene, credo che il suo pensiero fosse vero, al quale ho dato anche ascolto”.

SU NEYMAR – ” Momenti poco felici li abbiamo passati tutti nella nostra carriera e nella nostra vita. Sono tappe che se affronti nel modo giusto e con il coraggio giusto ti fanno migliorare tantissimo. Io penso che un campione come Neymar, da una delusione come quella del Mondiale possa arrivare con una rabbia agonistica e un desiderio di rivincita incredibili. Di tutto questo ne gioveranno i suoi compagni e il Psg”.

SULLA NAZIONALE – ” Io penso che tutti vorranno gli italiani presenti ai prossimi Mondiali, perché quando gufiamo siamo micidiali. Sono uscite tutte, manca solo la Francia (ride, ndr), ma credo che arriverà in fondo, perché ha un grande ct che conosco bene e tanto talento in campo. Per me la favorita era il Brasile, però la Francia era la squadra che la seguiva subito dietro”.

SUL CAMPIONATO FRANCESE  – ” Conosco molto bene il figlio di Thuram, avendo giocato con Lilian 10 anni. Adesso giocherò contro il figlio, ma mi è capitato anche con Chiesa e altri. La Ligue 1 è un campionato che grazie agli investimenti del Psg sta diventando molto più seguito e interessante per l’estero. Poi ci sono squadre di grande tradizione, come il Lione, il Marsiglia, il Bordeaux, il Saint-Étienne. Per un giocatore come me, che ha calcato tanti campi, vivere queste situazioni è determinante”. Ma intanto in casa bianconera è arrivata un’enorme bomba di mercato che potrebbe stravolgere il futuro della Juventus, la notizia è clamorosa! >>>LEGGI QUI

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy