JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Zoff: “Credo la Juve arrivi tra le prime quattro. Pirlo potrebbe essere confermato”

Cristiano Ronaldo e Andrea Pirlo e la Juventus

Le parole dell'ex portiere bianconero

redazionejuvenews

Alla vigilia della sfida di campionato contro il Milan, importante per un posto alla prossima edizione della Champions League, l'ex portiere della Juventus Dino Zoff ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Questa la sua analisi del momento che sta vivendo la squadra bianconera:

"Sono fiducioso, credo che la Juve arrivi nelle prime quattro. Ha più qualità nella rosa. Per questo credo che Juve-Milan sia decisiva soprattutto per il Milan. Io credo che, se Pirlo raggiungerà l’obiettivo, verrà confermato. La Juve ha avuto tante criticità con i nuovi arrivi, anche perché dopo nove anni di vittorie le difficoltà aumentano. L’Inter invece, uscendo dalle coppe, ha avuto la possibilità di giocarsi il campionato con tranquillità".

Inevitabilmente, all'ex numero uno è stato poi chiesto un parere sulla situazione legata a Gigio Donnarumma. Il numero 99 del Milan andrà in scadenza di contratto il prossimo 30 di giugno, ma il rinnovo appare al momento lontano (con la Juve in agguato sullo sfondo). Zoff ha così risposto:

"Donnarumma? Non penso di fare la morale se dico che io al suo posto non mi creerei tanti problemi per un ingaggio maggiore. È giovane, ha qualità straordinarie, gioca in una grande squadra. Che altro serve? Senza Champions sarebbe tutto più giustificato, però di questa questione si discuteva anche quando il Milan era primo. Credo che molto dipenda da lui, i ragazzi devono anche prendersi le loro responsabilità. Ai miei tempi? Era diverso, non c’erano contratti a termine. Donnarumma ha il mondo aperto, può fare tutto. I miglioramenti dipendono da lui, ma la base per un grande avvenire c’è tutta. In campo non ci sono pensieri. Quando comincia la partita, tutto si azzera. Eppure, i problemi fuori dal campo possono influenzare la preparazione: allenarsi con il buonumore fa sempre la differenza. Donnarumma già adesso non è in una piccola squadra...".