Zazzaroni: “Juve e Napoli fanno di tutto per mostrare fragilità. Inter ancora inferiore ai bianconeri”

Il giornalista ha parlato

di redazionejuvenews
Juventus

TORINO – Nell’edizione odierna del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni, direttore del noto quotidiano, ha parlato nel suo editoriale dell’Inter di Antonio Conte menzionando anche la Juventus e la lotta scudetto: “L’uomo del 2021 potrebbe essere Antonio Conte, che di Pioli – al momento davanti a tutti in classifica – è in fondo l’esatto contrario per esperienze maturate, concetti tattici, senso dei rapporti e anche della comunicazione. Nei prossimi cinque mesi Conte dovrà riportare lo scudetto all’Inter con una squadra che considera ancora inferiore alla Juve e non più forte di Milan, Napoli e Roma; la squadra di una società che l’estate scorsa mise la sua fiche più consistente su Hakimi (Antonio non lo riteneva un acquisto prioritario) e che – come, ma anche più di altre – sta attraversando un periodo complicatissimo: ricavi inesistenti e dunque stipendi posticipati, operazioni di rinforzo azzerate, l’obbligo di rientrare di svariati milioni e l’ipotesi di almeno un’uscita pesante a giugno. In più – è di queste ore – il mandato a vendere assegnato da Suning a Rothschild”.

Antonio Conte

Poi ancora: “Quando scelse l’Inter, preferendola alla Roma ancora di Pallotta, Conte era convinto di entrare in un mondo di risorse e ambizioni infinite e conseguenti investimenti tecnici, un club in grado di soddisfare le sue esigenze di campo per aprirsi a un futuro di titoli e allineamenti più che naturali con la Juve. Nell’ultimo anno, però, le cose sono parecchio cambiate: il governo cinese e la pandemia hanno creato difficoltà di ogni genere alla proprietà, al punto da rendere necessario l’incontro di riallineamento di fine dicembre dal quale Conte non può essere uscito soddisfatto: inseguiva miglioramenti, gli sono stati prospettati appiattimenti. Marotta e derivati si sono impegnati come non mai per trasmettere all’esterno messaggi di sostegno a tecnico e squadra, sottolineando la straordinaria unità d’intenti derivata dalla consapevolezza del momento e facendo passare «lo scudetto sarebbe un miracolo» come principio. Ma se c’è un anno in cui non è possibile parlare di miracolo è proprio questo, poiché comanda il più sorprendente dei Milan, mentre Juve e Napoli fanno di tutto per mostrare delle fragilità”.

Il giornalista conclude così: “E tuttavia per me resta lui, Conte, l’uomo del 2021, nonostante gli avvertimenti che il mio io insistente mi ripete, sollecitandomi innanzitutto a modificare il “titolo”: uomo dell’anno o tecnico dell’anno? Il subconscio suggerisce prudenza, addirittura paventa il non gradimento dello stesso Conte: come si permettono di paragonarmi a Pioli? Io ho vinto (e giù l’elenco), lui niente. Io ho inventato l’ìntensità, il furore, la bolgia (assente da nove mesi), ho spremuto l’Italia, ho conquistato l’Inghilterra. Lui è diventato mister Normalità: vuoi mettere? Eppoi – insiste la voce di dentro – non ti accorgi come rifugge da ogni pronostico favorevole ritenendolo una minaccia? Una condanna a vincere? Per fortuna faccio il cronista, non lo psicologo. E in ogni caso l’uomo (più atteso) dell’anno è lui: Conte Antonio, non Giuseppi. Si accontenti e goda“. >>> E intanto, parlando di mercato, ci sono 11 nomi nei sogni di Pirlo per una formazione totalmente nuova, ecco come sarebbe! <<<

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy