JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Sconcerti su Ronaldo: “Quella maglia buttata a terra è un segnale”

Il noto giornalista del Corriere della Sera ed esperto di calcio, Mario Sconcerti

Il noto giornalista ha parlato

redazionejuvenews

Nella vittoria ottenuta dalla Juventus nell'ultimo incontro di campionato contro il Genoa, quello che ha generato maggiore dibattito è stato il gesto di Cristiano Ronaldo al termine del match. Il portoghese infatti, avrebbe lanciato a terra la maglia della Juve, in quello che è stato visto da tutti come un gesto di stizza ma che in realtà racchiuderebbe bontà e altruismo. Già, perche stando alle ultime indiscrezioni quella maglia sarebbe stata lanciata all'indirizzo del raccattapalle e non gettata come fosse una reliquia. Inutile dire che questo ha diviso molti tifosi, tra quelli che si sono schierati dalla parte di CR7 e quelli che invece, ci sono rimasti male per quanto accaduto. Ad intervenire su questo argomento ci ha pensato anche il noto giornalista Mario Sconcerti che, ha rilasciato delle dichiarazioni ai microfoni di Calciomercato.com.

SUL GESTO DI CRISTIANO RONALDO - "E’ un gran brutto gesto lanciare la maglia. La maglia è la bandiera, non si butta per terra. Ma partiamo dall'inizio: Ronaldo è un giocatore eccezionale, non ho mai visto una prima punta così forte. Maradona, Pelé, Cruyff erano giocatori universali, sono di un'altra categoria, io sto parlando di prime punte. E uno con la sua facilità di gol non l’ho mai vista. Però ho una piccola impressione…. Sono figlio di un procuratore di pugilato. Quando vedevo pugili che cominciavano ad avere 32-33 anni, chiedevo al mio babbo come facevano ad accorgersi del tempo che passava. E lui mi rispondeva: vedi il colpo partire con mezzo secondo di ritardo e lo prendi in faccia. Ecco, oggi Ronaldo è così. Significa poco, per carità, continuerà a segnare, ma arriverà un momento che un piccolo fenomeno del genere inciderà e lui capirà. Anzi, secondo me qualcosa ha già capito e la reazione che ha avuto - con la maglia gettata a terra - è un segnale".