news

Sconcerti: “Mai visto un attaccante come Ronaldo”

Mario Sconcerti

Il giornalista ha parlato

redazionejuvenews

TORINO - La Juventus affronterà questa sera a San Siro il Milan, in una sfida carica di significato soprattutto per i bianconeri, chiamati ad un'altra vittoria per ridurre il gap dai rossoneri in testa alla classifica e in vantaggio di dieci punti. La squadra di Pirlo arriva a Milano priva di Alex Sandro, Cuadrado e Alvaro Morata, con il tecnico Andrea Pirlo che non ha voluto però trovare alibi ieri in conferenza stampa, spronando la squadra.

I bianconeri vincendo questa sera ridurrebbero a 7 punti il distacco dal Milan in testa alla classifica, con gli uomini di Pirlo che hanno anche una partita in meno, quella contro il Napoli, da recuperare. Una sfida molto importante quindi, con il tecnico della Juventus che pe la prima volta affronterà la sua ex squadra da tecnico. A presentare la partita di questa sera ci ha pensato il giornalista Mario Sconcerti che ha parlato dalle colonne de Il Corriere della Sera.

"C'è nel Milan una chiarezza che non esiste nelle altre squadre. C'è gioco e senso della compagnia. Pioli, quando trova una sintonia, diventa l'amico anziano, è facile volergli bene. Pensate a Pirlo, ad Andrea Agnelli, alla Ferrari, a Stellantis, a un cozzo di interessi che sono molti mondi, non una partita. Lì c'è una freddezza di intenti, la piccola aria che tutto sia provvisorio. C'è sempre un altro mondo da inventare. È questo l'imbarazzo, che ci sono realtà nuove da capire e prima di staccarsi dalle vecchie serve tempo. Io non ho mai visto un attaccante come Ronaldo, la sua naturalezza nel fare gol. Che c'entrano Pelè e Maradona? Ronaldo è solo attaccante. Basta lui per andare oltre il Milan di Krunic e Tonali, che tra parentesi trovo ancora giocatore troppo semplice."