news

Saija: “La Juve dovrebbe acquistare Abdallah Sima”

Il Chief Football Officer della Juventus Fabio Paratici

Il procuratore ha parlato

redazionejuvenews

TORINO - Il procuratore Leo Saija ha voluto consigliare alla Juventus un futuro talento, Abdallah Sima. Queste le sue parole: "La Juve dovrebbe investire sul talento Abdallah Sima. Il giovane senegalese fino allo scorso anno giocava nel Thonon Évian Grand Genève FC, una squadra francese, per poi passare al MAS Taborsko, squadra di seconda divisione ceca. L’impatto è stato devastante e lo Slavia Praga a settembre l’ha acquistato per farlo giocare nelle giovanili, ma il talento senegalese ha continuato a segnare ed offrire prestazioni importanti guadagnandosi la stima di tutto l’ambiente e promosso in prima squadra. Fisico longilineo di circa 190 cm, Sima dotato di una buona agilità, tecnica base e rapidità d’esecuzione abbinate ad una buona visione della porta e, nota da non sottovalutare,possiede il così detto killer-instinct del centravanti, tutte doti che fanno si che sia un giocatore quasi completo nonostante la giovane età. Il classe 2001 può svariare sull’intero fronte offensivo, partire come esterno sinistro o centravanti poiché bravo a giocare anche tra le linee, deve sicuramente migliorare sotto l’aspetto tecnico-tattico, ma vista la sua giovane età è un prospetto su cui si dovrebbe investire ed anche celermente prima che diventi un pezzo pregiato delle prossime sessioni di mercato".

Il Chief Football Officer della Juventus Fabio Paratici

Proprio in merito ai giovani ed al settore giovanile della Juventus ha parlato alla Gazzetta l'ex allenatore della Juventus Primavera, Baldini: "Fagioli? Allegri lo considerava un regista 'alla Pirlo': provammo l'esperimento, ma secondo me può fare meglio adoperandosi vicino alla porta. Prova e immagina giocate che altri non pensano nemmeno: prima di ricevere la palla, sa già cosa fare. Ha le caratteristiche da calciatore di alto livello. Petrelli? Ha dei colpi incredibili: ricorda Ibrahimovic, ovviamente con le dovute proporzioni. E non dimentico Da Graca: quando ero a Torino giocava nell’Under-17, ma chi sapeva di calcio aveva già intuito che giocatore sarebbe diventato. La strada è lunga, ma ha tutto per affermarsi come attaccante vero". >>> E intanto, parlando di mercato, ci sono 11 nomi nei sogni di Pirlo per una formazione totalmente nuova, ecco come sarebbe! <<<