JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Ronaldo: “Non sono qui per arrivare sesto o settimo. Dobbiamo cambiare le cose”

 Cristiano Ronaldo

L'ex calciatore della Juventus ora al Manchester Untied ha parlato del momento che stanno vivendo i Red Devils e delle ambizioni per il resto della stagione

redazionejuvenews

L'ex calciatore della Juventus CristianoRonaldo ha lasciato i bianconeri sullo scoccare della sirena del mercato estivo per tornare al Manchester Untied. Una decisione e una scelta voluti fortemente dal portoghese, che è tornato nella squadra che lo ha reso grande e lo ha fatto conoscere al calcio mondiale. Le cose però non stanno andando molto bene, e Ronaldo ha parlato a Sky Sport UK per fare chiarezza sulla situazione e su quali siano le sue sensazioni per il futuro dentro il club.

"Non accetto che la nostra mentalità sia inferiore a quella di essere tra i primi tre in Premier League. Non voglio essere qui per essere al sesto, settimo o quinto posto. Sono qui per provare a vincere, per competere. Siamo in grado di cambiare le cose ora. Conosco la strada, ma non la citerò qui perché non credo sia corretto. Penso che per costruire cose buone, a volte devi distruggerne altre vecchie. Allora perché no? Nuovo anno, nuova vita e spero che il Manchester United possa essere al livello che i tifosi vogliono. Se lo meritano"

"Sinceramente non è facile. Abbiamo avuto Solskjaer, poi Carrick, poi questo nuovo allenatore. È difficile quando si cambia così tanto, è sempre difficile. Da quando è arrivato Rangnick penso che in alcuni punti siamo migliorati, ma ha bisogno di tempo. Non è così facile cambiare la mentalità dei giocatori e il loro modo di giocare, la cultura, il sistema... Credo che farà un buon lavoro. L'addio di Solskjaer? È sempre triste e dura. Ole ha giocato con me prima e ora era il mio allenatore. Una persona fantastica. Quando se n'è andato, tutti erano tristi, ma fa parte del calcio. Quando le cose non vanno come vuole il club, il club deve cambiare. Mi ha deluso, ma dobbiamo capire. È stato difficile, ma la vita va avanti".