news

Enzo Raiola su Donnarumma: “La Juve lo voleva, poi scegliemmo il Psg”

Gigio Donnarumma
L'agente del portiere della Nazionale è intervenuto a Dazn, svelando diversi retroscena di mercato sul suo assistito
Riccardo Focolari Redattore 

Un addio turbolento, accompagnato con livore dai tifosi del Milan. A sviscerare motivi e retroscena della separazione tra il portiere e il club rossonero ci ha pensato Enzo Raiola, fratello del compianto Mino e procuratore dell'estremo difensore, a 'Croquetas', su Dazn.

Raiola parla così della scelta di dire addio al Milan e all'Italia: "Mino spiegava ai rossoneri che non sarebbe andato via da parametro zero. Avevamo pensato che a Champions ottenuta potesse rimanere lì, anche se c'era quel timore di appiattirlo. Quell'anno che era tornato Ibrahimovic ebbe uno scatto: lo martellava, una mattina c'era un volo programmato, Ibra lo svegliò due ore prima per farlo allenare. Su di lui, comunque, c'era la Juventus: era disposta a pagare il cartellino o ad effettuare uno scambio di giocatori. Ma quando ci comunicarono che il Milan non era più interessato a tenerlo, andammo da Al-Khelaifi, ci chiese se fosse libero, alzò il telefono e iniziò la trattiva con Leonardo".

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Juventus senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con Juvenews per scoprire tutte le news di giornata sui bianconeri in campionato.