JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Nani: “Ronaldo mi ha detto che finirà a giocare in America”

Cristiano Ronaldo

L'ex giocatore del Manchester United ha parlato

redazionejuvenews

La Juventus sta continuando ad allenarsi alla Continassa in vista dell'inizio del campionato, che vedrà i bianconeri impegnati ad Udine contro la squadra di Gotti. La squadra di Massimiliano Allegri si è ritrovata oggi al centro di allenamento bianconero per iniziare a preparare la partita, che domenica alle 18 prenderà il via insieme alla nuova Serie A. Un campionato difficile, che la squadra vuole tornare a vincere dopo che lo scorso anno l'Inter ha messo fine ad un dominio lungo nove anni consecutivi. Grandi motivazioni in casa Juve, di squadra ma anche dei giocatori, con i componenti della rosa che sembrano decisi a remare tutti nella stessa direzione.

Chi inizierà il suo quarto anno bianconero è Cristiano Ronaldo, che punterà ancora una volta a riportare a Torino quella Champions League che manca da troppi anni. Proprio a proposito di Ronaldo e del suo futuro, che a fine stagione lo vedrà libero da qualsiasi vincolo contrattuale, ha parlato l'ex compagno di squadra del portoghese Nani. Grandi amici, i due hanno giocato insieme allo Sporting Lisbona, al Manchester United e in nazionale, con l'attuale giocatore dell'Orlando City che ha parlato intervistato dai microfoni di ESPN sul futuro di CR7: "Un paio di anni fa, Cristiano mi ha detto che probabilmente finirà a giocare in America. Non è sicuro al 100%, ma c'è una possibilità che accada".

"È un grandissimo campionato. Certo, ci sono alcuni punti in cui bisogna ancora migliorare, tra cui la qualità dei calciatori. Ma ci sono squadre fantastiche, organizzate benissimo, con grandi allenatori e grandi giocatori. E si vede che stagione dopo stagione le cose vanno sempre meglio. Penso che ci siano tutte le condizioni per diventare un grande campionato, del resto siamo in un grande paese. Ed è solo questione di migliorare e non avere paura di fare sempre di più".