JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juventus-Chelsea: la gara di andata

Federico Chiesa

L'andata tra Juve e Chelsea in Champions League

redazionejuvenews

Il sito web ufficiale della Juventusha pubblicato il racconto della gara di andata contro il Chelsea all'Allianz Stadium in cui i bianconeri ne sono usciti vittoriosi per una rete a zero. Questo il report: "I campioni d’Europa in carica sconfitti nella gara di andata son costretti alla vittoria per sperare di raggiungere la vetta della classifica. Si prospetta quindi una partita che può favorire le caratteristiche tecnico tattiche di una Juventus che attraverso le ripartenze, innescando la velocità di attaccanti e centrocampisti, diventa micidiale.

All’Allianz Stadium i bianconeri grazie ad una difesa attenta e ordinata sono riusciti a rendere assolutamente sterile il lungo possesso palla della squadra inglese (73%) che ha spesso manovrato nella metà campo dei padroni di casa (74% la supremazia territoriale del Chelsea) arrivando però a realizzare una sola conclusione nello specchio della porta difesa da Szczesny. Per contro i bianconeri sono riusciti a capitalizzare al meglio il minor sforzo offensivo rispetto agli avversari, evidenziando alcuni difetti difensivi del Chelsea che potrebbero ripresentarsi nella gara in Inghilterra.

Ecco la palla gol di Federico Chiesa nel primo tempo. Il Chelsea manovra portando 9 giocatori oltre alla linea della palla e senza preoccuparsi delle marcature preventive. Due bianconeri vanno in pressing su Kovacic, costretto allo scarico indietro. Chiesa in pressing intercetta il passaggio e, superato l’avversario in velocità, si trova tutto il campo libero per arrivare alla conclusione in area inglese. Ecco il gol partita. Senza attaccanti di ruolo, Allegri gioca con Bernardeschi falso nueve, Chiesa e Cuadrado in appoggio. Sul lancio di Bonucci e la spizzata di testa di Rabiot, i due bianconeri più avanzati manovrano velocemente nello spazio: Bernardeschi controlla la palla e subito lancia Chiesa che, partendo da una posizione più arretrata senza dare punti di riferimento alla difesa inglese, attacca lo spazio in profondità e arriva alla conclusione decisiva".