JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve Women, un’altra calciatrice positiva al Covid-19

Roberta Aprile

Brutte notizie in casa Juve Women: un'altra calciatrice è risultata positiva al Covid-19. Rischio focolaio

redazionejuvenews

Per la Juve Women il 2021 è stato un anno ricco di vittorie ed entusiasmo. La scorsa stagione le bianconere si sono  infatti laureate per la quarta volta campionesse d'Italia, hanno raggiunto i sedicesimi di Champions League, le semifinali di Coppa Italia e hanno vinto la Supercoppa italiana. E se la passata stagione era stata vincente, quella in corso sembra esserlo ancora di più. La squadra di Joè Montemurro è infatti ancora imbattuta in Serie A, prima a quota 33 punti. Le bianconere sembrano essere di un livello superiore rispetto al resto delle squadre italiane, e non a caso hanno raggiunto i quarti di Uefa Women Champions League, dove affronteranno il fortissimo Lione.

E proprio dopo aver festeggiato l'ennesima vittoria e il passaggio del turno anche in Coppa Italia, martedì la Juve Women ha ricevuto una notizia terribile:ben sei giocatrici (e un membro dello staff) sono risultate positive al Covid-19. Una notizia che ha fatto tremare lo spogliatoio bianconero, che potrebbe creare non pochi problemi al mister Montemurro. La speranza era che quei sei casi fossero gli unici, ma sfortunatamente non è stato così. Oggi, infatti, la Juventus ha comunicato la positività di un'altra calciatrice bianconera: "Juventus Football Club comunica che è emersa la positività al Covid-19 della calciatrice Roberta Aprile che sta già osservando le norme previste. Juventus Women, che ricomincerà la sua attività il 28 dicembre, applicherà come sempre i protocolli in vigore, in accordo con le Autorità Sanitarie". (Juventus.com)

La situazione rischia di essere molto più grave del previsto. Il Covid-19 con la sua variante Omicron corre veloce in giro per il mondo e anche il mondo del calcio ne sta risentendo. Ora la Juventus spera di poter recuperare le calciatrici per il ritorno dalle vacanze natalizie, ma soprattutto che il virus non continui a circolare all'interno del gruppo squadra.