news

Juve, un giocatore nel mirino della Lazio. Inzaghi: “Con la società parliamo di…”

Simone Inzaghi

Ecco di chi si tratta

redazionejuvenews

TORINO- In questi ultimi giorni di gennaio il mercato è sicuramente uno degli argomenti di maggior rilievo in casa Juventus. La dirigenza lavora senza sosta alle possibili entrate in rosa, ma anche alle cessioni di quei giocatori ritenuti ormai fuori dal progetto tecnico bianconero. Tra questi c'è Daniel Rugani, che la scorsa estate è passato in prestito con diritto di riscatto al Rennes dove, però, non sta trovando lo spazio desiderato. Il ragazzo è ritenuto una seconda linea dal club francese, che con l'uscità di scena dalle coppe europee sta valutando seriamente di non esercitare il riscatto.

Come riportato dal Corriere di Roma, l'ex Empoli potrebbe quindi far ritorno a Torino a breve, ma solamente di passaggio. La Juve, infatti, è in cerca di un altro club a cui cedere il cartellino del difensore. Club che potrebbe essere la Lazio, in cerca di un centrale dopo l'infortunio di Luiz Felipe. Rugani è ritenuto uno dei profili migliori con cui sostituire il brasiliano, insieme a Maksimovic del Napoli, il cui contratto andrà in scadenza in estate ma che, al momento, è più difficile da portare nella Capitale.

Simone Inzaghi, intervenuto in conferenza stampa, ha parlato così della situazione: "Con la società si sta parlando di mercato. Sappiamo che l'infortunio di Luiz Felipe ha lasciato un bel buco nella nostra retroguardia. Un brutto infortunio contro il Frosinone a settembre ce lo ha limitato, è riuscito a giocare soltanto una decina di partite fin qui. Vogliamo un elemento che possa aiutarci il più possibile, anche se al momento sono concentrato soltanto sulla partita in programma domani. Per il momento sono convinto che possiamo fare bene anche con questa assenza". Ma attenzione perché, proprio in queste ultime ore, sono arrivate anche alcune clamorose novità per il mercato bianconero: >>>> Colpo a zero euro: Paratici valuta un nome totalmente nuovo! <<<<

Potresti esserti perso