JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Sacchi: “Inter favorita, ma la Juve può ancora lottare per la Champions”

Arrigo Sacchi , ex allenatore di Milan e Italia

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha fatto il punto della situazione: chi può vincere la Serie A? Poi sulla Juve...

redazionejuvenews

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha fatto il punto della situazione: chi può vincere la Serie A? «Se marcia così, l’Inter è favorita - ha affermato l'ex allenatore. Ma ci sono molte incognite sulla sua strada. Prima di tutta la Champions. La doppia sfida contro il Liverpool porterà via molte energie fisiche e mentali. Di conseguenza, potrebbe perdere qualche punto in concomitanza con queste gare. Se superasse il turno contro il Liverpool, che sarebbe un’autentica impresa perché i Reds sono tra i migliori al mondo, bisognerebbe gestire il doppio impegno: in Italia e in Europa. L’Inter ha un esercito attrezzato per due battaglie?. Non è mai semplice tenere la testa su due obiettivi. I giocatori, quando c’è una partita importante come quella contro il Liverpool, cominciano a pensarci una settimana prima. E in febbraio l’Inter si gioca molto: dal 6 al 16 affronta il derby, il Napoli in trasferta e il Liverpool in casa. Mica semplice».

Chi sarà il principale antagonista dei neroazzurri? «Il Milan ha fatto qualcosa di straordinario nella prima parte della stagione, quando con l’entusiasmo ha sopperito all’inesperienza. Ultimamente hanno avuto qualche difficoltà. Devono tornare a essere una squadra compatta e unita, se vogliono lottare fino in fondo. Adesso la difesa è troppo arretrata, non si può sempre buttare il pallone lungo per Ibra: i miracoli non li fa neanche lui».

Sacchi ha poi fatto un pronostico sulla classifica finale: «L’Inter, il Milan se torna quello di prima, e poi gli altri posti Champions se li disputano Napoli, Atalanta e Juve». Il mercato di gennaio potrebbe cambiare le carte in tavola? «Il mercato dovrebbero farlo i club con un attivo in bilancio, sennò diventa notte. Se non hai soldi, lavora con la fantasia...». Chiosa finale sul calendario asimmetrico: «È un inedito e ciò aumenta l’incertezza. Speriamo aumenti anche lo spettacolo».