JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve, Calamai: “I bianconeri vogliono cambiare l’attacco”

Luca Calamai
Calamai ha parlato del mercato nel reparto offensivo dei club di A: per il giornalista la Juventus vorrebbe modificare l'assetto offensivo

Intervenuto sulle frequenze di Tmw Radio, Luca Calamai ha parlato ampiamente del calciomercato degli attaccanti dei maggiori club di Serie A. Tra questi non poteva mancare un opinione su quanto sta accadendo nel reparto offensivo della Juventus. A differenza di altri club, anche di alto rango, i bianconeri possono contare in particolar modo su un attaccante considerato dai più tra i migliori di tutta Europa, ovvero Dusan Vlahovic. Esigenze economiche unite a richieste tattiche del tecnico della Juventus starebbero però quantomeno aprendo alla possibilità di una cessione.

Da Morata a Vlahovic: le mosse di Inter e Juve

—  

Calamai ha introdotto l'argomento Vlahovic e Juventusparlando di un altro ex attaccante bianconero in ottica Inter, ossia Alvaro Morata. Ecco cosa ha detto il giornalista: Morata non è il profilo adatto ai nerazzurri. Lo sarebbe di più una seconda punta d’esperienza che però non serve all’Inter perché alla squadra di Inzaghi serve un centravanti, una prima punta che sappia sposarsi al meglio con Lautaro. Serve un giocatore che possa valorizzare al meglio il fuoriclasse dell’Inter, per questo Lukaku era perfetto visto il legame tecnico e l’intesa che si era creata con l’argentino. Credo che Balogun per caratteristiche tecniche sia il giocatore giusto, così come Arnautovic che anche per la Roma sarebbe perfetto. È un giocatore con la personalità giusta per reggere San Siro, perché non è uno stadio per tutti. La ricerca del centravanti è il tema principale di questo mercato, chi non lo ha, chi ha paura di perderlo come il Napoli e chi pensa a dei cambiamenti come la Juventus”.

Calamai sull'attacco di Roma e Fiorentina

—  

Oltre alla Juventus e all'Inter, Calamai ha disaminato la situazione nel comparto attaccanti di Roma e Fiorentina. Le due società paiono in questo momento in due situazioni agli antipodi: “Sono convinto che Mourinho abbia avuto delle garanzie e ora sia in attesa. È come la minestra di fagioli che sta bollendo e se non la spegni prima o poi esplode. Io sarei molto preoccupato del silenzio di Mourinho. Se l’Inter sbaglia il centravanti rischia di non vincere lo Scudetto, se la Roma sbaglia il centravanti non va in Champions. La nuova formula della Champions creerà una spaccatura enorme tra chi partecipa e chi non entra. Le società ora hanno il dovere di investire, perché la Champions farà la differenza per il futuro. Bisogna fare il massimo per entrare in Champions League, saranno soldi veri e rappresenteranno uno status differente. Sulla Fiorentina: “Mi aspetto qualcosa in più dai viola perché è arrivato un centravanti che Italiano voleva come Nzola. Ho visto delle immagini dove si vede un fisico da paura. Lui vive la sua grande occasione della vita, ha un carattere particolare, ma ha 26 anni e ricordo quando Toni venendo da Palermo divenne Toni. Poi c’è questo ragazzo Beltran, che è diventato a 20 anni un giocatore importante al River. Questo significa che ha personalità, il problema è il ruolo perché in Argentina mi garantiscono che sia una prima punta alla Immobile, che ama giocare faccia alla porta. Se è così è chiaro che la Fiorentina ha preso due prime punte e dovrà trovare il modo per farli coesistere". 

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Juventus senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con Juvenews per scoprire tutte le news di giornata sui bianconeri in campionato.