JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve, l’Arabia ci riprova: dopo Milinkovic rischia di sfumare anche Zaniolo

Zaniolo
Dopo Milinkovic-Savic l'Al Hilal vuole anche Nicolò Zaniolo: la Juve rischia di veder sfumare un altro obiettivo
redazionejuvenews

Prima era la Cina, poi l'America e ora è il turno dell'Arabia Saudita: questa estate per i club italiani e europei è impossibile stare al passo delle possibilità economiche dei sauditi. Cristiano Ronaldo, Benzema, Kante, Koulibaly: in tanti hanno scelto di accettare la corte degli sceicchi e l'impressione è che la lista sia pronta ad allungarsi ancora. La Juve ha purtroppo potuto toccare con mano la forza dell'Arabia dato che Milinkovic-Savic, da sempre obiettivo bianconero, ha preferito l'Al Hilal alla Vecchia Signora. Ora però il club saudita sembra pronto a farsi avanti per un altro dei sogni di mercato della Juve.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, sembra infatti che l'Al Hilal faccia sul serio per portare in Arabia Saudita Nicolò Zaniolo. L'ex Roma è nella lista bianconera dei possibili sostituti di Angel Di Maria, ma l'offerta saudita è impareggiabile: contratto fino al 2027 per 120 milioni di euro. Cifre folli, impareggiabili, ma che non per forza porteranno a un trasferimento.

Poco tempo fa Zaniolo in un'intervista a La Gazzetta dello Sport ha infatti espresso tutto il suo amore per la Vecchia Signora: "La Juve è la Juve, anche senza Champions o coppe internazionali. Io da ragazzino ho sempre tifato per i bianconeri, il mio idolo era Pogba. Giocare nella Juve mi farebbe piacere. Parliamo di un grande club". Nella vita il denaro non è tutto e a soli 24 anni Zaniolo potrebbe quindi decidere di non accettare la corte degli sceicchi e rimanere a giocare nel calcio che conta. Questo non vuol dire però che l'ex Roma sia pronto a trasferirsi a Torino: l'ex giallorosso si trova bene al Galatasaray, squadra che il prossimo anno potrebbe giocare la Champions League (ora è ai preliminari). Situazione complessa: staremo a vedere.