JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Juve che fine ha fatto il vero Alex Sandro? Il brasiliano è un fantasma

Alex Sandro

Il terzino brasiliano sembra ormai un lontano parente di quello ammirato fino ad alcune stagioni fa. Ora la Juve pensa ad un suo sostituto

redazionejuvenews

Il pareggio tra Juventus e Napoli non fa felice nessuna delle due squadre, ma i bianconeri in particolare non possono dirsi soddisfatti della prova messa in campo. La squadra di Luciano Spalletti infatti, nonostante una lunghissima serie di infortunati e indisponibili, è riuscita a giocare un'ottima partita. Al contrario i bianconeri sono sembrati troppo spesso in balia degli avversari. I problemi di inizio stagione sono stati superati solo in parte e per i bianconeri il lavoro da fare sembra essere ancora molto lungo.

Tra le delusioni più grandi c'è sicuramente Alex Sandro, che anche ieri sera ha deluso le aspettative. La Gazzetta dello Sport lo ha bocciato in tronco dandogli un bel 4,5. "Un giorno del 2020 gli hanno rubato la quarta e la quinta marcia… e così sembra sempre in crisi di zuccheri: lento di gambe e di testa. Mertens sul gol lo anticipa due volte in cinque secondi", ha spiegato la Rosea. E come dargli torto. Il terzino brasiliano sembra un lontano parente del giocatore che fino a poche stagioni fa era il padrone della fascia sinistra. Ora il classe 1991 spinge poco in fase offensiva ed è molto impreciso in quella difensiva (il gol dell'1 a 0 nasce proprio sulla sua fascia).

Quali potrebbero essere i motivi di questo calo? In primo luogo l'età. Alex Sandro non è più un ragazzino e correre come faceva un tempo non deve essere un lavoro semplice. Eppure Cuadrado sull'altra fascia, che è anche più vecchio di lui, continua a farlo... Quel che è sicuro è che il brasiliano non è più il top player di un tempo e non a caso Luca Pellegrini gli sta lentamente rubando il posto da titolare. Il classe 1999 è molto più reattivo e sembra ormai essere il favorito. Il suo recupero in vista del match contro la Roma può essere un fattore determinante.