JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Gravina: “Servono ristori, il calcio traina l’economia. Manca un miliardo”

Il presidente della FIGC Gravina

Il presidente della FIGC ha parlato delle riforme che saranno pensate e attuate per migliorare il mondo del calcio dal punto di vista economico e della fruibilità

redazionejuvenews

Il Presidente della FIGC Gabriele Gravinaha parlato intervistato dai microfoni de Il Corriere dello Sport, ai quali ha parlato del futuro del calcio e delle riforme in atto per migliorare il mondo del pallone.

La pandemia che cos’è, dopo due anni di slalom tra contagi, divieti e conflitti?

"Una montagna che iniziamo a scalare. Il protocollo sanitario è una vittoria. La soglia del 35 per cento di contagiati ci pone al riparo da divieti difformi delle singole Asl. Non accadrà più che si giochi con undici positivi e si resti bloccati per tre. È una garanzia che il virus non intaccherà d’ora in poi la regolarità della competizione".

Ma dal governo avete qualche garanzia sulla riapertura degli stadi?

"La garanzia è il dialogo istituzionale. Il limite dei cinquemila spettatori è stato un atto di responsabilità. L’auspicio è che, usciti tutti vaccinati dal picco, si torni a una capienza del cento per cento. Il calcio si confermerebbe apripista della sicurezza e della normalità".

Non tutto è andato per il meglio. I contagi di Natale dimostrano che la serie A ha dimenticato troppo presto le bolle e le cautele, non le pare?

"No, al 20 dicembre avevamo un numero di casi inferiore ad altri settori. Il rompete le righe delle vacanze li ha fatti crescere, ma è anche vero che i ragazzi coinvolti si sono negativizzati in pochi giorni".

Il campionato ha perso partite e pubblico. Se i ristori non arrivano?

"Non può accadere. Il calcio traina l’economia, coinvolge dodici settori merceologici diversi, vale una percentuale importante del pil e produce un gettito fiscale di oltre un miliardo. Merita almeno la stessa dignità di settori come cinema e teatro".

Malagò chiede che si valuti l’entità esatta del danno. Condivide?

"I conti li ha già fatti una società di revisione. Manca un miliardo. Si tratta di accordarsi sulle modalità".

Ma il calcio è entrato nella pandemia con quattro miliardi di debiti, e in questi due anni ha continuato a farli. Il Genoa ha licenziato il quinto allenatore in due anni, dopo avergli concesso un triennale da due milioni e mezzo a stagione.

"Il Covid ci ha colto nel pieno di una tensione finanziaria. Ma quei debiti sono stati sempre coperti da finanziamenti infruttiferi e postergati, cioè forme di ricapitalizzazione delle proprietà. Il Genoa a Natale ha versato decine di milioni di capitali freschi. Questo per dire che il calcio ha messo il suo. Però è vero che far crescere i costi mentre i ricavi calano vuol dire mettere a repentaglio il sistema. Questo mi preoccupa quanto lei".