JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Danilo: “Un orgoglio essere il capitano della Juventus. Buffon il mio idolo”

Danilo
Il difensore e capitano della Juventus ha parlato della stagione dei bianconeri e delle sue responsabilità all'interno dello spogliatoio
Cristiano Passa Redattore 

Il difensore e capitano della JuventusDanilo ha parlato intervistato dai microfoni di TNT Sports Brasil: "Essere Capitano della Juventus è motivo di grande orgoglio. Una squadra con grandi tradizioni come la Juventus è sempre stata ben rappresentata a lungo da giocatori storici italiani. Dopo essere stato vice-capitano l'anno scorso, in questa stagione sono diventato capitano. Questo ha a che fare con la mia esperienza in altri campionati e Paesi, con il mio modo di comunicare con i compagni, con gli arbitri e con l'universo Juventus. Il fatto che la decisione dell'allenatore sia stata accettata così bene, soprattutto dai miei compagni di squadra, mi riempie di orgoglio. Sono fiero che anche i tifosi italiani, che difendono la loro bandiera e la loro cultura, spesso mi salutano e mi ringraziano per difendere sempre la Juventus e i suoi colori. Mi sento parte del club, della città e delle sue tradizioni".

"Gatti è un ragazzo che mi piace molto, ho un grande affetto per lui, abbiamo un bel rapporto. A volte si pensa che si impari di più dai calciatori con più titoli, con più esperienza e con una carriera incredibile, ma poi arriva un ragazzo dalle categorie dilettanti, che ha fatto tanta gavetta, e che ha lavorato al mercato, che è riuscito a darmi tanto".

"Da qualche anno il calcio italiano è in fase di rinnovamento e valorizza i giovani. Abbiamo sempre guardato l’Italia come a un Paese in cui i giocatori tendono ad arrivare tardi, ma ora stanno facendo uscire giovani che stanno dimostrato il loro potenziale e il loro talento, con buoni risultati. La Juventus sta seguendo la stessa linea ed è molto impegnata nella sostenibilità finanziaria, in altre parole, sta pensando a lungo termine. Sento che questo è "l'anno zero", un nuovo inizio, in cui vogliamo tornare in Champions League e tornare ad essere rispettati in tutto il mondo del calcio. E, naturalmente, lottare per il titolo fino alla fine, proprio come in Coppa Italia".

"Buffon è stato un giocatore che ho sempre ammirato molto, ma dopo averlo visto da vicino, dopo averlo avuto nel mio quotidiano, posso dire che è il mio grande idolo nel calcio. È la persona con cui mi identifico per quanto lavora duramente, per quanto è umile, per quanto cerchi di condurre una vita normale nonostante sia stato un uomo di calcio impareggiabile. Era un giocatore che dava molta energia, molto vigore, molta "grinta" come diciamo qui in Italia. Quando parlava aveva già un'energia e un'aura diversa".

 

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Juventus senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con Juvenews per scoprire tutte le news di giornata sui bianconeri in campionato.