news

Crespo: “Zaniolo lo vedrei bene al Milan, farebbe un salto di qualità”

Zaniolo

L'ex attaccante argentino ha parlato a La Gazzetta dello Sport, dando il suo parere sul futuro del talento della Roma. Ecco cosa ha detto.

redazionejuvenews

Il mercato estivo sta per entrare nel vivo. Ieri con la finale di Champions League, vinta dal Real Madrid, che ha battuto 1-0 il Liverpool grazie a un gol di Vinicius Junior, si è ufficialmente conclusa la stagione dei club, con molti giocatori che saranno impegnati ancora per un po' con le proprie nazionali. Nel finale di stagione c'è stata anche la vittoria della Conference League da parte della Roma di José Mourinho. I giallorossi hanno battuto in finale il Feyenoord con il gol decisivo di Nicolò Zaniolo, che è stato grande protagonista nel cammino europeo. Il classe '99 è da tempo un obiettivo di mercato della Juventus, fin dai tempi di Fabio Paratici, che lo aveva inserito in quella famosa lista di talenti italiani da seguire.

Intervistato da La Gazzetta dello Sport, Hernan Crespo ha parlato proprio dell'attaccante giallorosso. L'ex bomber argentino ha detto dove vedrebbe bene Zaniolo in futuro: "Potenzialmente è un campione e lo vedrei benissimo lì sulla fascia destra rossonera. Però il Milan di Pioli ha vinto lo scudetto perché ha avuto un grandissimo spirito di gruppo, perché tutti si aiutavano, tutti collaboravano e così sono state superate le difficoltà. Zaniolo, se davvero andrà al Milan, dovrà calarsi in questo ambiente. Dovrà essere lui ad adeguarsi al Milan e non viceversa. Dovrà dimostrarsi pronto a inseguire gli avversari, disponibile a recuperare il pallone, aggressivo nel pressing. Per lui si tratterebbe di un salto di qualità che gli farebbe raggiungere la definitiva maturità".

Il giocatore ha un contratto con la Roma fino al 2024. Da tempo si parla di un suo rinnovo, che però non è ancora arrivato, né sono decollate le trattative tra la dirigenza giallorossa e il suo entourage. Se questo prolungamento non dovesse arrivare, il club giallorosso potrebbe doverlo vendere, per evitare di farlo entrare nell'ultimo anno di contratto.