Crespi: “Buffon riferimento, prima facevo la punta. Sul futuro…”

Gian Marco Crespi, portiere della Juventus Next Gen, ha detto la sua sulla stagione con la squadra bianconera

Gian Marco Crespi, portiere della Juventus Next Gen, ha detto la sua sulla stagione in bianconero. Ecco le sue parole: “Un giorno mi ha chiamato il mio agente e mi ha detto che la Juventus era interessata a me, io ero tranquillo e pensavo che le possibilità fossero poche. Poi la notte ho iniziato a pensarci: non mi sembrava vero. Questa stagione sono migliorato a livello tecnico, arrivavo da tante partite giocate bene. Poi ho avuto anche alcuni momenti bassi, in cui non ho giocato benissimo. Futuro? Vorrei vincere la Coppa Italia e salire in Serie B, poi come ho detto prima, voglio anche crescere tecnicamente. È stata una delle tre emozioni più grandi della mia vita. Giocare una semifinale con uno stadio così pieno è stato incredibile.

Buffon? Gigi è stato un punto di riferimento. Da bambino per chiunque è stato un modello. I miei punti di forza? Negli ultimi anni sono maturato molto mentalmente, penso che la mentalità sia molto per un calciatore. Adesso sono più tranquillo e cosciente. Fa parte del percorso di crescita.

Ad inizio carriera facevo l’attaccante. Poi al City Camp dell’Udinese ho fatto il portiere, lì mi hanno chiamato e ho fatto la trafila ad Udine. Fino alla Primavera, poi sono stato al Gozzano. Quell’anno mi ha chiamato il Crotone, l’anno dopo sono andato in Serie A a fare il terzo. Anche quella è stata un’emozione indescrivibile. Successivamente ho giocato a Pistoia e dopo c’è stato un “down mentale” mio. Da lì ho capito che dovevo reagire, in panchina rosicavo come un matto ogni partita. Poi ho scelto il Picerno che mi ha permesso di mettermi in mostra e di crescere. A gennaio è arrivata la Juve”.