Conte: “Andare a +9 dalla Juventus se vinciamo? Campionato molto equilibrato”

Il tecnico ha parlato

di redazionejuvenews
Antonio Conte

TORINO – Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato in conferenza stampa in vista del prossimo match di Serie A menzionando anche la Juventus: “L’idea di poter andare a +9 sulla Juve che peso dà alla prossima partita? Credo che sia emerso in modo tangibile il fatto che questo sia un campionato molto equilibrato. Ogni partita e ogni vittoria vanno sudate, non ci sono sfide semplici. Alla fine emergeranno dei valori importanti come lavoro e organizzazione, tutte cose che poi portano a primeggiare e vincere. Questa è una squadra che dopo un anno e mezzo di lavoro insieme può permettersi delle varianti a gara in corso. Diverse volte abbiamo giocato anche con Sanchez dietro le punte. Dopo un anno e mezzo possiamo permetterci delle varianti, l’importante e che i concetti base su cui abbiamo fondato la nostra cultura calcistica, non subiscano variazioni. Ci sono momenti della partita in cui bisogna sparigliare, ma quello che abbiamo fatto lo abbiamo costruito sulla nostra cultura calcistica“.

Juventus

Poi sulla squadra e la gara di domani: “Dobbiamo aspettarci una partita impegnativa come tutte nel campionato italiano. Affrontiamo una squadra galvanizzata dall’ultima vittoria contro il Parma. Dovremo fare attenzione e ripartire dopo le feste è sempre una grande incognita, ma sappiamo quanto è importante proseguire nella nostra serie positiva. Penso che noi dobbiamo avere il dovere di crederci. Quando sei l’allenatore dell’Inter hai il dovere assoluto di credere di poter lottare fino alla fine per raggiungere il massimo. Per quanto riguarda gli incontri, è giusto che quelle cose rimangano private ed è giusto che ci sia rispetto nei confronti di tutti. Noi dobbiamo confermarci, non dobbiamo lanciare messaggi. Dobbiamo essere tra le squadre che vogliono provare a vincere, continuando a essere credibili“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy