JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Capello: “Juve con il ritorno di Allegri si è garantita un gigantesco ombrellone di protezione”

Massimiliano Allegri

L'ex tecnico della Juve ha parlato

redazionejuvenews

Fabio Capello, ex allenatore della Juve, ha parlato ai microfoni del Corriere della Sera di vari argomenti tra cui la Juventus. Le sue parole: "Juve fuori dalla lotta scudetto? Sì, è troppo distante per poter recuperare. Le altre davanti corrono e pure l’Atalanta viaggia forte, sono tante da prendere, non credo ce la farà. La Juve con il ritorno di Allegri si è garantita un gigantesco ombrellone di protezione. L’allenatore è tornato ma non ha trovato giocatori di un certo livello in rosa o non li hanno potuti comprare. Faticherà molto. 

Napoli? È una squadra di grande qualità. Ha una difesa che prende pochissimi gol, solo 4 finora: alla lunga fa la differenza. Poi hanno Osimhen, uno irruente, spacca le partite, in un momento strepitoso. In più, e non è poco, c’è Spalletti, un allenatore di grande esperienza, molto bravo a gestire. Milan per lo scudetto? Certo che può arrivare in fondo, ma deve convincersi della sua forza, può dare di più. Ci sono giocatori come Leao, con un grande potenziale e molta qualità. È uno dei pochi in grado di saltare l’uomo, ma deve crederci e maturare. Un altro è Theo Hernandez, uno che ha bisogno di confermarsi sempre. Il Milan è cresciuto e continua a crescere.

Se sta sparendo il calcio all'italiana in Italia? È cambiato questo: si prendono difensori che non sanno difendere. La qualità difensiva è molto bassa. Basta guardare chi sono i difensori della Nazionale: Chiellini, Bonucci, Acerbi, tutta gente con più di trent’anni. Non c’è ricambio generazionale, non ci sono più dei top difensori. Il Milan aveva gente come Baresi, Costacurta, Maldini, gente tirata su dal barone Liedholm: di un’altra categoria. Dicevo che il Napoli è tra le favorite: con 4 gol presi finora dimostra di avere una difesa forte, con un giocatore come Koulibaly a guidarla. Alla lunga sono situazioni che fanno la differenza".