JuveNews.eu
I migliori video scelti dal nostro canale

news

Cannavaro: “Stones e Maguire sono migliorati ma Chiellini…”

Fabio Cannavaro

Le parole del difensore Campione del Mondo con l'Italia al Mondiale del 2006

redazionejuvenews

L'ex difensore della Juventus e della Nazionale Campione del Mondo nel 2006 Fabio Cannavaro, ha parlato intervistato dai microfoni del quotidiano inglese The Sun, ai quali ha parlato dei difensori inglesi mettendoli a paragone con la scuola italiana: "Stones e Maguire hanno mostrato cose interessanti negli ultimi anni. Entrambi sanno giocare a calcio, difendono bene e non temono nessuno. Sono due punti di riferimento, rispettivamente per Manchester City e Manchester United, e senza dubbio i due migliori difensori inglesi. Quando il gioco si fa duro, si assumono la responsabilità e non hanno paura di provare cose nuove, ma Chiellini incarna ancora lo spirito del difensore italiano e quel livello di concentrazione necessario per fermare un attaccante in un momento difficile. In questo, secondo me Maguire e Stones possono essere mancanti in quella 'cattiveria' che Giorgio invece ha. In Italia si dice che i grandi attaccanti vendono i biglietti ma i grandi difensori vincono le partite".

Parole chiare quelle del difensore, che poi ha ricordato il Mondiale vinto, facendo quello che sarebbe stato oggi il suo prezzo dopo la vittoria della finale contro la Francia a Berlino nel 2006: "Vincere un Mondiale eleva un giocatore ad essere leggenda. Il Pallone d'Oro che ho vinto dopo il mondiale del 2006 sicuramente è stato frutto di quel torneo. In quell'anno, certamente, per acquistarmi ci sarebbe voluto qualcosa attorno ai 100 milioni".

Parole chiare, anche quelle che l'allenatore ha riservato per l'Italia di Mancini, costretta ai Play off per guadagnarsi l'accesso al Mondiale in Qatar: Non eravamo fenomeni a luglio, non siamo dei brocchi adesso. La paura c'è, è legittima, un altro flop sarebbe terrificante per tutti, ma se arrivi alle sfide di marzo pensando che se perdi sarà un disastro, sarà una specie di condanna a morte. Devi arrivare lì recuperando la verve smarrita e sperando che i vari campionati ti consegnino Verratti, Chiellini, Zaniolo, Insigne, Spinazzola in condizioni stupende”.