Cambiaso: “Gioco ogni giorno per conquistarmi tutto, sogno la Champions”

Il giocatore della Juventus in prestito al Bologna ha parlato intervistato dai microfoni de La Gazzetta dello Sport dei suoi obiettivi
Andrea Cambiaso

La Juventus è stata eliminata ieri sera dalla Champions League, dopo aver perso la quarta partita su cinque della fase a gironi. Un momento terribile per i bianconeri, che anche in campionato non se la passano meglio, e sono già a 10 punti dal primo posto. Meglio va lontano da Torino per uno dei giocatori bianconeri in prestito: il terzino del Bologna Andrea Cambiaso ha infatti parlato intervistato dai microfoni de La Gazzetta dello Sport, ai quali ha parlato della sua carriera e del suo futuro.

Arnautovic è uno dei più forti con i quali abbia giocato, calcisticamente ti cambia la vita. Valiamo più dei punti che abbiamo in classifica, ma dobbiamo dimostrarlo anche a Monza. Nasco trequartista e impazzivo nel vedere le giocate di Dybala, l’altro mio idolo assieme a Cancelo: un mancino ambidestro, per me il più forte del mondo. Theo Hernandez è il più forte sinistro in Italia. Io nasco sinistro ma, anche se non sempre, a fine allenamenti mi fermo a fare il cosiddetto ‘muretto’ calciando con entrambi i piedi”.

La cosa peggiore sarebbe quella di sentirsi arrivato: se ti senti così è l’ora della fine, gioco ogni giorno come se dovessi conquistarmi tutto. E le pressioni mi piacciono. Prima parlavamo di Arnautovic: un fuoriclasse. Io ho bisogno che, come è successo, a volte mi sgridi: mi dà la sveglia. Questa è una squadra con tanti leader, penso pure a Medel o De Silvestri che dal primo secondo mi ha fatto sentire a casa”.

“Grazie a papà e a nonno Bruno sono diventato genoano. Andavo in curva, ho fatto il raccattapalle guardando con occhi ‘innamorati’ Marco Rossi e Diego Milito, poi sono arrivato nelle giovanili: sogni realizzati legati però al grande dispiacere della retrocessione dello scorso anno. Ora sogno di giocare in Champions League e in Nazionale maggiore, la musichetta della prima e l’inno sono colonne sonore da sogno”.