news

Beccantini: “Non si direbbe che la Juventus non fa le coppe…”

Beccantini
Beccantini ha parlato della prestazione della Juventus contro il Genoa: per il giornalista questa volta il solito gioco non avrebbe pagato

Nel suo editoriale sul suo blog personale, Roberto Beccantini ha espresso la sua opinione sulla Juventus vista contro il Genoa in Serie A. Ecco un estratto delle sue parole:  "L’avarizia ha pagato spesso. Non stavolta. L’avarizia di testa (il tecnico) e dei piedi (i giocatori). Marassi è arena che trasmette good vibrations. Qui, il Genoa di Gilardino aveva bloccato il Napoli sul 2-2 e strapazzato la Roma per 4-1. Non se la passa bene, ma in casa è sempre feroce. Lo dimostrerà. La Juventus è una compagnia teatrale che Allegri porta in giro per il Paese, infliggendo ovunque la solita pièce. Senza Retegui, il Grifo. Senza Rabiot, Madama. Ricompare Miretti, un Miretti sfiorito. Il Genoa lascia palla agli altri. La Juventus preferisce che siano gli altri a scoprirsi. O a perderla. Come succede a Badelj, pressato da Vlahovic al 28’: tocco a Chiesa, Martinez lo travolge in uscita. Rigore. Visti gli errori del serbo, ci pensa Chiesa. In precedenza, da destra, l’ex Viola aveva crossato teso e Vlahovic aveva alzato da pochi metri. I grandi centravanti sanno fare meglio".

Beccantini: "La Juve attacca per dovere"

—  

Beccantini ha proseguito: "Dal gol in poi la Juventus si è ritirata rianimando così gli avversari. E’ il classico peccato (mortale) in cui incorre l’Allegrismo di ritorno. Puntare sulla solidità del muro, vivacchiare, giochicchiare, cercare il bis senza la garra che caratterizza gli eletti. Fermo restando il piattume nel mezzo. Locatelli compreso. Nella ripresa, Gila azzecca la mossa. Dentro una punta, Ekuban. Proprio lui smarca subito Gudmundsson, che ha fondato la carriera sul dribbling, e ciao corto muso. Costretta, la Vecchia va all’attacco, ma ci va per dovere, non per piacere o conoscenza. Chiesa spreca un altro regalo del portiere. Un coscia-braccio di Bani pomperà dibattiti. Il Grifo fa la Juve. Martinez salva d’istinto su Bremer, Malinovskyi rischia il rosso su Yildiz. La Juventus non fa coppe ma dal ritmo che ha imposto non si direbbe. Morale: non è sempre domenica".

Se vuoi approfondire tutte le tematiche sul mondo Juventus senza perdere alcun aggiornamento, rimani collegato con Juvenews per scoprire tutte le news di giornata sui bianconeri in campionato.