Qui Porto, Danilo: “Un’emozione tornare in Italia, grazie per avermi fatto crescere”

Qui Porto, Danilo: “Un’emozione tornare in Italia, grazie per avermi fatto crescere”

L’ex centrocampista del Parma ha parlato prima della sfida contro la Juve

di redazionejuvenews

TORINO – Intervistato da Repubblica il centrocampista del Porto Danilo Pereira ha parlato della sfida contro la Juve e del suo passato in Italia con il Parma: “Giocare contro una squadra italiana per me è sempre un’emozione. Ho vissuto anche dei bei momenti durante gli anni da voiInformazioni ai miei amici italiani? Non ho chiesto niente a nessuno, la Juve la conoscono tutti, non c’è bisogno di domandare in giro. Dall’Italia sono tornato più maturo. A livello calcistico mi è rimasto poco, però sono diventato un uomo. Ho avuto esperienze difficili che mi hanno fatto crescere molto. Cosa non ha funzionato a Parma? Non posso dirlo per il semplice fatto che non mi è mai stata data un’opportunità. Se non puoi metterti in mostra non puoi dimostrare niente. Qualcuno può pensare che sia stata colpa mia, ma io dico che almeno un’occasione avrei avuto il diritto di averla. Sono stati anni difficilidovevo cambiare squadra e nazione ogni sei mesi, cercare qualcuno che mi facesse giocare. Ma questa è la vita. Adesso posso dire se non fosse stato per le esperienze dure che ho fatto da voi forse oggi non sarei qui. Donadoni devo dire grazie: lui è stato l’unico a dirmi cosa stessi facendo bene e cosa male. Con lui ho imparato tanto, anche se una possibilità vera non me l’ha data. Comunque come calciatore sono cambiato, in quel periodo: tatticamente mi sono evoluto e fisicamente sono cresciuto. Quando arrivai pesavo 78 chili, dopo sei mesi ero già a 82″.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy