Lippi: “Allegri ha travisato il motto, bada a vincere e basta e non importa se si gioca male”

Marcello Lippi e la frecciata ad Allegri

di redazionejuvenews
Massimiliano Allegri

Marcello Lippi a Viareggio durante l’inaugurazione del  Marco Polo Sport Center ha parlato dell’esperienza cinese ma non solo

 

Uno Juventino vero fa colazione con caffè e Gazzetta! Risparmia il 50% sull’edizione digitale! Segui la Juventus ogni giorno con l’edizione digitale della Gazzetta dello Sport a 9,99 al mese anziché 19,99.  

Tuttomercatoweb ha ripreso le sue parole: “Sono stato sette anni là e sono stato benissimo. Mi fa grande piacere questo interesse e questa stima nei miei confronti. Sono stato in Cina la settimana scorsa, abbiamo parlato. Vedremo cosa maturerà. Juve? Da anni dai tempi di Boniperti il motto è sempre stato: vincere non è importante ma è l’unica cosa che conta. Allora si è travisato e si è pensato che alla Juve si bada a vincere e basta e non importa se si gioca bene o male. Che poi sia successo anche questo, non vuol dire che la tradizione juventina sia fatta solo di squadre che non giocavano bene e vincevano. Se non si gioca bene alla lunga non si vince. Ho avuto delle Juventus aggressive, con grande forza fisica, ma anche con qualità di gioco. Poi si fanno anche partite meno spettacolari. E’ la filosofia di un ambiente: in altre nazione è difficile vedere ad esempio una squadra spagnola che non gioca bene perchè quella è la loro filosofia di gioco. Juve- Champions? Non ce l’ha fatta per un motivo: nei quarti di finale se non disponi di tutti i tuoi migliori giocatori al massimo, contro queste squadre perdi. Senza Chiellini, Mandzukic, Cuadrado, Douglas Costa è troppo dura. Allegri?Ha un altro anno di contratto e per esperienza dico che non si va via dalla Juve quando si ha il contratto con i bianconeri”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy