Iago Falque alla Gazzetta: “Juve parte della mia vita, ma non c’è nostalgia”

Iago Falque alla Gazzetta: “Juve parte della mia vita, ma non c’è nostalgia”

L’intervista dell’esterno spagnolo sull’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport: ecco le parole di Iago Falque

di redazionejuvenews

TORINO – Sta bene, eccome. E segna, pure tanto. L’anima del Torino resta proprio lui, anche più di Belotti: stiamo parlando di Iago Falque, esterno granata ed ex di lusso del Derby.

In realtà con i bianconeri c’è stata solo qualche comparsata, un rapporto non duraturo e nemmeno idilliaco. Tant’è: le risposte di Iago lo dimostrano. “Se la Juve perde, perde anche lo scudetto? Ma dello scudetto non ci interessa niente… Io penso che quei 3 punti ci avvicinerebbero di più al 7° posto, all’Europa League. Certo, la corsa in vetta è divertente: il Napoli gioca un calcio bellissimo, ma la Juve è pratica e riesce sempre a spuntarla”, il commento dello spagnolo.

Che si dice pronto per la partita più attesa dell’anno qui a Torino. “E’ normale entusiasmo: lo stesso di noi giocatori – spiega Falque -. Speriamo che sia la volta buona perché qui in casa l’anno scorso abbiamo perso solo per un gol di Higuain nel finale”.

Già Torino, città anche della sua giovinezza, ma bianconera: “E’ una parte della mia vita. Felice. Mi ha accolto, fatto crescere e questo mi ha aiutato per la vita. Ora la guardo come il rivale più grande: non c’è nostalgia, ma determinazione”, chiosa Iago. Che finisce il racconto così: “Il più forte è Pjanic: tecnicamente il migliore della A. La squadra dipende da lui”. Intenditore.

TI POTREBBERO ANCHE INTERESSARE: 

JUVE SU NETFLIX: ECCO COSA VEDRETE

LA JOYA PRONTO AL RITORNO

LE PAROLE DI BUFFON A MAURIZIO COSTANZO

SEGUICI SU: Facebook / Twitter / Instagram

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy