Dani Alves, veleno sul Barcellona: “Falsi e poco rispettosi nei miei confronti”

Dani Alves, veleno sul Barcellona: “Falsi e poco rispettosi nei miei confronti”

Ecco le parole del laterale brasiliano.

di Alessandro Fulgenzi

TORINO- Dani Alves non è ancora riuscito a conquistarsi un posto da titolare alla Juventus. Il suo rendimento altalenante, qualche infortunio e il rendimento di Lichtsteiner non gli hanno ancora permesso di esprimersi al meglio. Il laterale brasiliano, in una lunga intervista concessa ad ABC.es, ha attaccato il suo ex club, il Barcellona reo di non essersi comportato bene nei suoi confronti: “Quando mi sento amato io sto bene. Quando questo sentimento svanisce me ne vado. Nelle ultime tre stagioni, ho sentito dire più volte che avrei cambiato squadra, ma nessuno della dirigenza mi ha mai detto nulla in faccia: sono stati falsi e poco rispettosi nei miei confronti. Il club si è fatto vivo per offrirmi il rinnovo quando è scattata la sanzione per il blocco del mercato del Barcellona: a quel punto io ho firmato una clausola per potermi liberare. Le persone che si occupano oggi del club blaugrana non hanno la minima intenzione di come gestire il rapporto con i calciatori”.

CAPITOLO RAMOS – Dani Alves ha anche parlato della polemica che c’è tra Sergio Ramos e il Siviglia, club nel quale il brasiliano ha giocato prima di trasferirsi al Barcellona: “Penso che sia sbagliato riempire di insulti Sergio Ramos, ma c’è anche da dire che Ramos non è nella posizione ideale per chiedere rispetto ai tifosi del Siviglia. Pochi giorni prima di trasferirsi al Real Madrid lui aveva giurato amore eterno al Siviglia e questo è il motivo per cui i tifosi sono così arrabbiati con Ramos. È ancora ostaggio di queste frasi. Io in sei anni a Siviglia ho vinto tantissimo, lui non ha vinto nulla e non può chiedere di essere perdonato quando segna al Siviglia”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy