Amoruso: “Juve-MIlan? Sulla carta non c’è storia”

Amoruso: “Juve-MIlan? Sulla carta non c’è storia”

L’ex giocatore ha parlato

di redazionejuvenews

TORINO – L’ex attaccante Nicola Amoruso ha parlato intervistato dai microfoni di TMW sulla partita di questa sera tra Juventus e Milan. 

 

“Sulla carta non c’è storia, in campionato la Juve è prima e il Milan in un momento così basso è difficile ricordarlo.”

Il Milan invece delude…
“La squadra non è male, ma se non hai l’esperienza giusta fai fatica. Poi si è sbagliata la scelta iniziale dell’allenatore, parlano i fatti: Giampaolo sul campo ha sempre lavorato molto bene ma evidentemente ci sono stati dei problemi”.

E Pioli?
“Ha più esperienza. Può fare bene, mi aspetto una reazione della squadra. Ma il mercato di gennaio dovrà aiutare”.

A gennaio potrebbe arrivare Ibra…
“Può fare ancora la differenza. Darebbe fiducia e grande carica. Il Milan ha bisogno di giocatori come lui”.

E la Juve?
“Ha pochissimi punti deboli. Ci aspettiamo tutti una Juve spettacolare e che possa incantare, ma i risultati ci sono sempre. Ancora non si vede una grande differenza tra la Juve dello scorso anno e quella di quest’anno. Poi contro i bianconeri tutti fanno le barricate”.

Gli uomini chiave stasera?
“Higuain per la Juve, dall’altra parte invece magari Suso che è tornato alla ribalta dopo i fischi e le critiche”.

Al Milan ci si aspetta un po di più da Piatek…
“Nel Milan l’attaccante centrale farà sempre fatica”.

Si spieghi meglio…
“Beh, se giochi con Suso e Calhanoglu che sono più centrocampisti che attraccanti senza nessuno che accompagna l’azione diventa complicato. L’attaccante quindi è poche volte in condizione di fare bene”.

A Napoli è stata una settimana particolare. I calciatori hanno rifiutato di continuare il ritiro e si sono scatenate tante polemiche.
“È una situazione poco bella. Alcune cose vanno gestite nello spogliatoio. È stato dato tutto in pasto al pubblico. Trovare in questo momento chi ha ragione è difficile. De Laurentiis ha ragione perché è il presidente e può decidere un ritiro, i calciatori però hanno la coscienza a posto perché hanno dato tutto e si aspettavano di tornare dalle famiglie”.

Si aspetta l’addio di Ancelotti a fine anno?
“No. Va via solo se lo esonera De Laurentiis… Il rapporto continuerà, basta qualche vittoria in più e tutto verrà ripianato. Alla fine i risultati riportano la calma oppure il caos”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy