Allegri a Sky: “Partita di altissimo livello. Lo scudetto? Non è ancora detto nulla”

Allegri a Sky: “Partita di altissimo livello. Lo scudetto? Non è ancora detto nulla”

Intervistato nel dopo partita di Sky, un soddisfatto Massimiliano Allegri ha analizzato il match di stasera che ha fatto trionfare la Juve contro l’Inter.

di redazionejuvenews
Notizie Juve, i convocati di Allegri per l'Empoli.

TORINO – Intervistato nel dopo partita di Sky, un soddisfatto Massimiliano Allegri ha analizzato il match di stasera che ha fatto trionfare la Juve contro l’Inter.

Ventottesima vittoria consecutiva in casa. Nel primo tempo eravate poco equilibrati, perchè?

“Questa sera è stata una partita di altissimo livello, come qualità di giocatori era da semifinale di Champions. Bisogna giocare così. Abbiamo concesso qualcosa, poco ordine e messi male in uscita, ma abbiamo avuto diverse occasioni per chiuderla rischiando poco o niente. Complimenti a tutti. L’Inter ha un organico da Scudetto, fortuna è partita male”.

Sulle fasce avete sofferto…

“Joao Mario veniva sulla nostra destra, Cuadrado usciva quando non doveva farlo… Dovevamo prendere Candreva alto per far pressione, ma Alex Sandro usciva sempre e ci tagliavano fuori. Nella ripresa, però, abbiamo corretto”.

Dybala l’hai placcato…

“Sì, anche perchè già Lichtsteiner era arrabbiato. Due no…”.

Perchè era arrabbiato?

“Perchè ho interpretato male un suo segnale di richiesta di cambio”.

Hai messo una squadra molto offensiva…

“Ci vuole ordine per vincere, a volte prendi subito la gara in mano, a volte ci vuole tempo. Qualcosa abbiamo concesso, ma a campo aperto. Nella ripresa niente, bisogna migliorare. E’ una bella sfida, l’ho detto ai ragazzi: se vogliamo arrivare in fondo in Champions ci vuole maggiore padronanza. A volte sbagliamo i tempi di gioco, ma la strada è giusta. Non abbiamo abbandonato gli altri sistemi, qualcuno deve riposare. Non è poi questione di sistema, dipende dai giocatori, ma non va ridotto tutto ai numeri. Se hai mezzali giochi in un modo, sennò in un altro… Il calcio è semplice…”.

Chiellini e Mandzukic hanno fisicamente dominato.

“Tutti hanno dato tanto. Dybala poteva ancora stare in campo, ma avevo bisogno di centimetri con Rugani. Chiellini ha fatto bene, Bonucci è in crescita, c’è anche Benatia… Nella ripresa, anche se eravamo stanchi, abbiamo tenuto bene il campo”.

La Champions è il vero obiettivo, dato che il campionato è in mano vostra….

“Quest’anno Napoli e Roma andranno sopra gli 85, basta vedere i numeri… La Champions, quando arrivai si sperava di passare il primo turno, io ero matto e pensavo che quella squadra poteva andare in finale. Per autostima bisogna alzare l’asticella, poi se c’è chi è più bravo amen, però già l’anno scorso abbiamo fatto una bella Champions. E ora dovremo fare bene, perchè il Porto è abituato a questi confronti”.

Del Piero sarà arrabbiato: rischi con Dybala di eguagliare i 19 cambi con Capello…

“Magari nemmeno lo faccio giocare la prossima”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy