Le appare Moscardelli in sogno e si sveglia dal coma.

Le appare Moscardelli in sogno e si sveglia dal coma.

TORINO – Le favole, quelle che da bambini ci fanno sperare, sognare e sorridere, spesso non accadono. Soprattutto negli ultimi tempi, da quando la cosiddetta crisi -economica, ma anche di valori- ci rincorre giorno dopo giorno, sperare non è più neanche così facile. Ed è per questo che la vicenda…

TORINO – Le favole, quelle che da bambini ci fanno sperare, sognare e sorridere, spesso non accadono. Soprattutto negli ultimi tempi, da quando la cosiddetta crisi -economica, ma anche di valori- ci rincorre giorno dopo giorno, sperare non è più neanche così facile. Ed è per questo che la vicenda di Annalisa, la chiameremo così, è uno spiraglio di luce, un dirsi l’un l’altro che credere in qualcosa è ancora possibile.

Sì, perché Annalisa tre mesi fa è vittima di un incidente: da allora è in coma, e i medici, fino ad oggi che si è svegliata, le davano zero possibilità di farcela. Ma la storia dev’essere raccontata dall’inizio. Annalisa, tifosa e appassionata di calcio da sempre, è una delle tante fan sfegatate di Davide Moscardelli, bomber più sul web che in campo, dove però non smette mai di regalare perle e giocate da “campione”, quando gliene viene data la possibilità. Forse per la barba, forse per la simpatia e umiltà, “il Mosca” negli ultimi mesi è diventato l’idolo incontrastato dei social network.

Quando la 18enne ha avuto un incidente, Davide Moscardelli non ne sa niente (e come potrebbe): ma adesso siamo sicuri che questa notizia arriverà ai suoi occhi. La giovane infatti, poche ore dopo il suo miracoloso risveglio, ha dichiarato che in sogno le è apparso proprio “Il Mosca.” Adesso Annalisa dovrà affrontare una lunga fisioterapia, ma siamo sicuri che nonostante le sofferenze da cui dovrà passare, avrà stampato sul viso il sorriso che secondo tutti gli amici non l’ha mai abbandonata.

Ovviamente non vogliamo attribuire a questa casualità, il sogno del Mosca, il merito del risveglio della giovane. Vogliamo solo ricordare che le favole, quelle che da bambini ci fanno sperare, sognare e sorridere, certe volte accadono. E anche negli ultimi tempi, bui per la crisi economica e di valori, la speranza non deve mai morire.

 

 

Juvenews.eu

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy